Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Verso il derby capitolino

Roma in crescita e Lazio che ''deve'' vincere

Sessantamila spettatori si stanno preparando all'enesima sfida tra Roma e Lazio, il derby capitolino vede opposte due squadre che attraversano momenti differenti, la Roma è in crescita e viene dalla vittoria in Europa League con il Basilea, la Lazio è in crisi, non vince da più di tre mesi in campionato ed è appena stata eliminata dalle competizioni europee.

LA CHIAVE VUCINIC - È l´attaccante più in forma della Roma, è quello che più degli altri sente la responsabilità. Mirko Vucinic e il derby, un´occasione imperdibile per convincere del tutto i tifosi. "Sogno un gol nel derby" ammette il montenegrino. E un gol contro la Lazio Vucinic lo ha già realizzato: 31 ottobre 2007, 3-1 in rimonta per i giallorossi.
"La sfida di domenica può rappresentare la nostra svolta" continua l´attaccante.

TOTTI - Chi di stracittadine se ne intende è Francesco Totti, alla ricerca di un altro record: con sei reti è a tre lunghezze da Delvecchio, marcatore di sempre contro la Lazio. Il capitano non segna ai cugini dal 2005, e una rete, tra l´altro, lo porterebbe a festeggiare le 250 reti in carriera.

RANIERI - "Il derby? Lo vincerà chi metterà in campo più determinazione". Claudio Ranieri è sicuro che il posticipo della 15ª giornata di serie A non vedrà la sua Roma affrontare una Lazio in crisi, nonostante i biancocelesti siano staccati di 8 punti dai giallorossi e senza vittorie dal 30 agosto. "Certo, per la legge dei grandi numeri prima o poi gli dovrà girare, ovviamente speriamo che sia poi - dice oggi Ranieri in conferenza stampa -. Mi aspetto una Lazio determinata, che scenderà in campo con il coltello tra i denti e che lotterà dal primo all’ultimo minuto. Fra noi e loro le differenze sono minime, noi abbiamo solo qualche vittoria in più, ma la loro difesa è più ermetica nella nostra. La differenza sono i momenti, in alcuni ti va bene, in altri ti va male".

ALEMANNO - Intanto Alemanno si appella alle tifoserie: "Mi auguro che sia un derby tranquillo, combattuto sul campo ma segnato da un atteggiamento positivo e leale, tra squadre e tifoserie. Che vinca il migliore e che nei giocatori prevalga il senso di appartenenza alla città".

BALLARDINI - Si gioca il suo futuro in questa partita, anche se Lotito ha smentito possibili esoneri la sua testa potrebbe saltare in caso di sconfitta. Ha parlato a lungo con i suoi giocatori giovedì sera. Il tecnico sa quanto sia importante il derby e si affida alla squadra, è convinto che la Lazio giocherà una grande partita. Ha già deciso di puntare sulla difesa a tre, con Siviglia, Stendardo e Radu. Ma per quest´ultimo è allarme: forte contusione del dorso del piede destro.

LAZIO CON UNA SOLA PUNTA - il tecnico ha deciso di sacrificare un attaccante per inserire Mauri e irrobustire così il centrocampo. In fase di non possesso palla, il modulo diventa addirittura un 5-3-1-1: Lichtsteiner e Kolarov sulla linea dei tre difensori Siviglia

Saranno circa 20mila i laziali all´Olimpico, la Nord è esaurita e annuncia un muro di sciarpe, come all´inizio degli anni ‘90.

FISCIO D'INIZIO - domenica 6 dicembre alle ore 20:45 ma l'apertura dei cancelli è alle 18. Massima allerta di forze dell'ordine, non solo per il timore di incidenti ma perchè gli ultrà ce l'hanno con le rispettive dirigenze.

[05-12-2009]

 
Lascia il tuo commento