Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Macbeth

Lavia al Quirino nella tragedia shakespeariana

Gabriele Lavia è  il protagonista al Teatro Quirino di “Macbeth”, tragedia shakespeariana archetipo della lotta per ottenere e mantenere il potere. La celebre trama vede protagonista Macbeth che, spinto dalle brame della moglie e da una suggestiva profezia, si macchia di una serie di squallidi tradimenti ed efferati delitti per conquistare il trono di Scozia. Una volta diventato re cadrà vittima delle sue stesse azioni e dei rimorsi, perdendo ogni cosa nell’atto finale che lo vede inesorabilmente soccombere.

Tutta la storia si inscrive in un clima di magica fatalità: il gruppo di streghe, che profetizza a Macbeth il suo regale destino e la sua fine, dona alla vicenda il respiro della predestinazione e dell’inevitabile circolarità del tempo.

Nelle doppie vesti di protagonista e regista, Gabriele Lavia realizza una messinscena d’impatto ponendo l’accento sulla metateatralità del dramma: Macbeth è un attore senza mestiere, angosciato dal pensiero di non essere nel posto che gli spetta, di non essere il protagonista di una vita che sembra viverlo passivamente.

L’acquisizione della corona enfatizza questa condizione di persona fuori posto: i due novelli sovrani somigliano a due improbabili e impacciate marionette che indossano il potere come un vestito di una taglia troppo grande.

La tragedia di Macbeth realizza, in questa chiave interpretativa, la grande metafora del Mondo come Teatro, della Vita come Palcoscenico, dell’Uomo come inconsapevole Attore, sprovvisto dei trucchi del mestiere.

L'opera di Shakespeare – spiega Lavia - ha come tema di fondo il grande mistero della filosofia: l'Essere. Il Non Essere di Amleto, l'illusione dell'Essere di Otello, la rinuncia dell'Essere di Lear, l'incertezza dell'Essere di Macbeth. ‘Essere così è niente se non si è qualcosa con certezza’. Cosa ci può essere di più lontano da noi, uomini di oggi, conficcati nel pensiero scientifico e tecnologico?”.

A completare il cast artistico, troviamo Giovanna Di Rauso.

Le scene sono di Alessandro Camera, mentre i costumi di Andrea Viotti.
 

[02-12-2009]

 
Lascia il tuo commento