Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Smog a Roma

Legambiente denuncia ''emergenza sanitaria''

Roma sempre più invasa dall’inquinamento atmosferico. Le centraline continuano a registrare una diffusione delle polveri sottili oltre la norma.

Per Legambiente siamo in piena emergenza. Per questo l’associazione ambientalista ha deciso di regalare simboliche mascherine antismog ai romani, invitando i cittadini a lasciare l’automobile a casa. L’iniziativa questa mattina in piazza Fermi accanto ad uno dei 10 monitor che in città rilevano il livello di smog.

"L'emergenza non è solo ambientale, ma anche sanitaria, come testimoniato dagli agghiaccianti dati, relativi allo studio epidemiologico Epiair -spiega Lorenzo Parlati presidente di Legambiente- I numeri dimostrano come esista una correlazione scientificamente dimostrabile tra i picchi di smog ed il numero dei morti ed i ricoveri per malattie cardio vascolari e respiratorie, ma non solo. Sul fronte della mortalità, lo studio ha preso in esame 276.205 soggetti di 35 o più anni residenti in 10 dieci città italiane, tra cui Roma, e deceduti nel Comune di residenza nel periodo 2001-2005. Per quanto riguarda il PM10, è stato riscontrato un effetto immediato su tutte le cause di morte esaminate, con conseguenze sin da subito per la mortalità cerebrovascolare e da subito fino al terzo giorno per la mortalità respiratoria. Sul fronte dei ricoveri, lo studio ha invece esaminato 701.902 pazienti residenti e ricoverati nelle 9 città prese in esame sempre nel periodo 2001-5, dimostrando l'impatto a breve termine dell'inquinamento atmosferico sulla morbosità cardiovascolare e respiratoria. Per quanto riguarda il PM10, in correlazione con i picchi di smog, aumentano i ricoveri per asma, bronchite e polmonite nei bambini da zero a 14 anni. Terribile l'associazione tra inquinanti e ricoveri per asma, per i quali si osserva un effetto prolungato che dura fino al quinto giorno sia negli adulti che nei bambini".

[27-11-2009]

 
Lascia il tuo commento