Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Profughi afgani trasferiti dalla ''buca'' di Ostiense

in 113 al centro di Castelnuovo di Porto

E’ una conclusione a lieto fine quella dei circa cento profughi afgani che per più di un anno hanno vissuto nella "buca" (come la chiamavano loro) in condizioni al limite tra fango e immondizia in una "buca di terra" in via Capitan Bavastro, ad Ostiense.

Esattamente 113 rifugiati di guerra sono stati censiti dalla protezione civile e trasferiti nel centro di accoglienza per i richiedenti asili di Castelnuovo di Porto a circa un ora da Roma.

"Offriremo a questi uomini tutto il supporto necessario di cui hanno bisogno -commenta il Commissario della Croce Rossa Francesco Rocca- fino a quando questa triste vicenda non troverà una soluzione. Abbiamo predisposto il trasferimento sui nostri mezzi di 113 migranti e siamo felici che prima dell'emergenza freddo si sia trovata per loro una sistemazione che possa accoglierli dignitosamente"

"Abbiamo trovato un accordo con la prefettura perche' Castelnuovo di Porto sia il punto di transito per evitare che le persone vivano nelle baracche. Soprattutto i rifugiati politici". Ha detto il sindaco Gianni Alemanno che ha precisato che "Castelnuovo di Porto è a disposizione ed è il primo centro di transito che viene fatto per avere un punto di riferimento quando vengono effettuati gli sgomberi di accampamenti abusivi".

LA POLEMICA DI ALZETTA - "I profughi afgani sgomberati dal terminal, sono stati temporaneamente trasferiti al Cara - centro assistenza richiedenti silo -, Tali strutture somigliano più a delle case di reclusione più che a dei luoghi di accoglienza;
inoltre non è stata data nessuna garanzia sull'accoglimento delle istanze d'asilo avanzate dai profughi. Temiamo che una questione sociale si trasformi in un problema di ordine pubblico e che come tale verrà poi gestito. Chiediamo una sistemazione idonea e dignitosa, magari in un centro appositamente costituito, per i profughi - anche per coloro che non sono stati ancora trasferiti".

Chi non ha potuto essere trasferito nel centro -fa sapere l'assessorato alle politiche sociali del Comune di Roma - sarà accolto a partire dal primo dicembre presso le strutture allestite dal Comune per l’emergenza freddo.

 
 

[13-11-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE