Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Musica
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Musica
 
 

Donne in jazz

alle Scuderie Aldobrandini di Frascati.

Di Alessandro Tiberi

Al via la VII edizione della Rassegna “Donne in Jazz” che si terrà dall'8 novembre al 6 dicembre alle Scuderie Aldobrandini di Frascati.

L'iniziativa si svolge nell'ambito del progetto “ControCanto”, ideato e promosso dalla Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica, in collaborazione col Comune di Frascati, con il sostegno finanziario dell'Assessorato alle politiche culturali della Provincia di Roma.

"Le stagioni musicali di 'Controcanto' uniscono una proposta artisticamente elevata ad un grande messaggio sociale – ha spiegato l'assessore provinciale alla Cultura Cecilia D'Elia - Obiettivo è celebrare e valorizzare il genio femminile in tutti gli ambiti della musica, anche in quelli fino a poco tempo fa pregiudizialmente preclusi alle donne". Apre la Rassegna, l'8 novembre alle 18, il Santa Cecilia Vocal Ensemble, composto da artiste che fanno parte del Corso per Musica jazz del Conservatorio di S. Cecilia. Il

secondo appuntamento (15 novembre ore 18), 'Un minuto dopo', prevede l'esecuzione di brani di Sade, di Elisabetta Antonini, di Stefania Tallini e di Tania Maria. Il 22 novembre (ore 18) saranno protagonisti 'Salerno e le Signore del Jazz'. Il Carla Marciano Quartet, capeggiato dalla sassofonista salernitana, eseguirà brani della Marciano e di Alberta Nichols, Alice

Coltrane, Tania Maria e Mary Lou Williams. 'Saluto dalla Svezia!' è previsto la domenica successiva, 29 novembre (ore 18). Un omaggio al paese scandinavo attraverso le performance di Maria Kvist, Sven-Erik Johansson, Isak Andersson, e Linus Kàse.

Chiude la Rassegna, il 6 dicembre (ore 18), l' 'Open Window' di Patrizia Scascitelli, Danielle di Majo, Caterina Palazzi, accompagnate da Carlo Battisti, con brani, oltre che delle tre musiciste, anche di Chiquinha Gonzaga e di Norah Jones.

La Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica promuove tali percorsi musicali allo scopo di mettere in luce la storia delle creatrici di musica, promuovendo ed incoraggiando le pari opportunità nel campo musicale. A questo scopo la Fondazione può contare su una rete di musicisti in 116 Paesi, al fine di salvaguardare e di sostenere la ricerca della produzione artistica del passato, nonché di incoraggiare la creatività contemporanea, anche con il supporto delle istituzioni.

[09-11-2009]

 
Lascia il tuo commento