Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio via Poma, rinvio a giudizio per Busco

il legale: ''è stato incastrato''

E' stato rinviato a giudizio Raniero Busco, l'ex fidanzato di Simonetta Cesaroni, la ragaza romana uccisa con 29 coltellate il 7 agosto 1990. Busco è stato rinviato a giudizio per omicidio volontario. Il processo comincerà il 3 febbraio prossimo davanti ai giudici della Terza corte d'Assise. A disporre il processo è stato il Gup Maddalena Cipriani.

E' stata Accolta così la richiesta del pm Ilaria Calò. Omicidio volontario, il reato contestato all'ex fidanzato della Cesaroni. Contro l'imputato i risultati di diversi consulenze. Ultima quella relativa alla compatibilità dell'arcata dentaria di Busco con il segno di un morso riscontrato sul corpetto che indossava la Cesaroni. Busco, oggi 44enne sposato e con due figlie e che fa il meccanico per Adr a Fiumicino, venne iscritto nel registro degli indagati per omicidio volontario all'esito dei risultati di una consulenza sul corpetto che la Cesaroni indossava quando fu uccisa. Sull'indumento gli esperti trovarono una traccia genetica, estratta dalla saliva, riconducibile all'uomo. Questi giustificò la presenza di tale traccia con alcune effusioni che si sarebbe scambiato con la ragazza la sera prima del delitto.

IL LEGALE DI BUSCO - "Busco è stato incastrato". Lo ha detto l'avvocato Paolo Loria, legale di Raniero Busco. "Il rinvio a giudizio - aggiunge il penalista - è dovuto a quella traccia di saliva che è stata trovata sul corpetto della Cesaroni. In aula dimostreremo che non ci sono prove a carico di Busco, ma solo quella traccia che potrebbe essere frutto di una contaminazione fra reperti. Faremo emergere le contraddizioni di cui è piena questa vicenda. Il pm ha sostenuto la sua tesi accusatoria, ma ha presentato solo delle mezze prove. Pensavamo non ci fossero elementi evidenti per arrivare al rinvio a giudizio. Le argomentazioni del pm non sono convincenti: c'è stata una interpretazione possibilista sul sangue commisto e sul morso".

 
 

[09-11-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE