Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Quattro periti per il caso Stefano Cucchi

per far luce sulle cause della morte

Saranno 4 i periti che aiuteranno gli inquirenti a far luce sulle cause e le circostanze che hanno condotto alla morte di Stefano Cucchi, il 31enne  fermato la notte tra il 15 e il 16 ottobre scorso per detenzione di sostanze stupefacenti e deceduto all'ospedale Pertini la mattina del 22.

Li ha nominati il pm Vincenzo Barba che questa mattina ha ascoltato il giudice Maria Inzincari e il pm che erano presenti all'udienza di convalida del fermo di Cucchi: entrambi, a quanto si è appreso, non avrebbero notato nulla di particolare. Nel corso del pomeriggio si sono svolti gli interrogatori dei familiari del giovane morto e dell'avvocato giorgio rocca, che ha confermato di non aver notato sul giovane segni di percosse in aula, che camminava normalmente e che alla richiesta di spiegare i motivi della faccia più gonfia del solito il giovane gli rispose di non essere stato toccato dai carabinieri.

Il che confermerebbe che il presunto pestaggio si sia svolto successivamente ed è proprio in questo senso che si stanno sviluppando le indagini della magistratura. E mentre a Milano sono comparsi volantini su Cucchi con su scritto “un altro ragazzo assassinato dai carabinieri” la sorella del ragazzo chiede a nome della famiglia e del fratello silenzio per far lavorare la magistratura in modo sereno.

 
 

[03-11-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE