Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tacco a spillo
 
» Prima Pagina » Tacco a spillo
 
 

Nuove collezioni, nuove tendenze

Fa freddo, molto freddo in questi giorni… era ora! Adesso possiamo indossare il piumino nuovo comprato “prematuramente” a novembre e sfoggiare il completino di lana: guanti, cappello, paraorecchi e mega sciarpa.
Beh, e allora?
E allora giornali e tv hanno già iniziato a bombardarci di notizie sulle ultime sfilate, sulle nuove tendenze per la prossima stagione e a mostrarci abiti meravigliosi per i mesi più caldi.
Ecco quindi che, con la pulce all’orecchio della moda p/e 2007, il freddo ci ha già stancato (e con lui il piumino e pure il suddetto completino polare), la pioggia si rende insopportabile più del solito e quello del sole e del caldo sembra un miraggio irraggiungibile…

Ma veniamo al dunque: cosa hanno tirato fuori dal cilindro gli stilisti? Cosa indosseremo? Cosa non dovrà mancare nel guardaroba?

Nelle collezioni p/e ’07, chiffon, raso, seta, organza e garza la fanno da padrone tra i tessuti.
I colori dominanti sono il nero, abbinato a tinte shock come giallo, arancio e viola; il bianco, candido o declinato nelle gradazioni cipria, crema o talco e, soprattutto negli accessori, l’oro e l’argento.
Per quanto riguarda i pantaloni prossimamente tornerà in voga la vita alta (sono circa dieci anni che non si vede in vetrina un jeans con i passanti sopra al livello dell’osso sacro…); saranno attillati e, purtroppo, a sigaretta.
Le gonne? Al ginocchio.
Saranno riconfermati gli shorts, abbinati però alle giacche, le maxi borse e i sandali con zeppe vertiginose e plateau.
Gucci sembra ispirarsi agli anni ’60 e propone vestiti lunghissimi e leggeri; Cavalli presenta modelli femminili rubati ai quadri del Botticelli con abiti in fiore e Dolce e Gabbana fanno sfilare delle dark ladies futuriste vestite di pvc e lattice dalle tinte sgargianti.

Queste sono, a grandi linee, i modelli della prossima stagione secondo gli stilisti, anche se sappiamo bene che quello che vediamo in passerella non corrisponde mai totalmente a quello che, noi comuni mortali, troveremo nei negozi tra due-tre mesi.
Ma la moda è fatta così: gli stilisti dettano, noi contempliamo e poi, in accordo con quello che si trova in giro e con le nostre finanze, scegliamo cosa mettere, traendo ispirazione un po’ dalle grandi firme, un po’ dal nostro gusto personale e un po’ da quello che già abbiamo nell’armadio!

Comunque, almeno per i prossimi giorni, è meglio portarsi dietro l’ombrello quando si esce…

[30-01-2007]

 
Lascia il tuo commento