Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Musica
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Musica
 
 

Casa del Jazz, stagione 2009

un cartellone ricco di star internazionali

Di Giuseppe Duca
 
Il quintetto di Dave Douglas con Uri Caine, il quartetto di Al Foster, il trio di Nicole Mitchell con Hamid Drake, Anthony Davis, le poesie di Amiri Baraka, il

quartetto di Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista New Project, il quartetto di Pietro Tonolo, film sulla storia della Atlantic e della Blue Note sono tra gli appuntamenti principali della nuova stagione di concerti della Casa del Jazz di Roma, da tempo punto di riferimento fondamentale per la diffusione della cultura afro Americana in Italia.

Dopo la serata inaugurale del 10 ottobre scorso dedicata ai V Disc e curata da Luigi Onori e Urbano Gaeta, il 18 ottobre, nell'ambito di una mini rassegna dedicata al pianoforte si esibirà Marcus Roberts, uno dei migliori pianisti della generazione dei quarantenni mentre il 24 sarà la volta del trio del norvegese Dag Arnesen. La rassegna si concluderà  il 24 novembre con il trio del pianista turco Fahir Atakoglu e dal grande batterista cubano Hracio El Negro Hernandez.  

A proposito di pianisti, da segnalare il 29 ottobre il concerto di Anthony Davis, star dell'avanguardia storica, assente dall'Italia da molto tempo.  Il 9 novembre arriverà Dave Douglas, trombettista fondamentale del jazz contemporaneo che nel suo quintetto allinea Uri Caine, star del pianoforte.

Il 17 novembre sarà la volta di Al Foster, batterista tra i più prestigiosi della scena attuale, collaboratore per decenni di Miles Davis con un curriculum che va da Sonny Rollins a McCoy Tyner. Il 17 novembre sarà la volta del duo formato da David Liebman, sassofonista che ha fatto scuola, e dal pianista Richard Beirach.

A partire dal 19 novembre alla Casa del Jazz arriveranno le nuove star del jazz Americano  a cominciare dall'Indigo trio di Nicole Mitchell, flautista che da Quattro anni vince il referendum di Down Beat e che alla batteria e alle percussioni schiera Hamid Drake, uno dei più originali talenti in circolazione.

In cartellone c'é spazio anche per le star italiane: giovedi 22 ottobre Fabrizio Bosso con il suo quartetto. Venerdi 6 novembre il nuovo progetto di Stefano Di Battista, con Roberto Gatto alla batteria e giovedi 3 dicembre il quartetto di Pietro Tonolo, che ospita il pianista e fisarmonicista Gil Goldstein, storico collaboratore di Gil Evans.

Da segnalare, nell'ambito della fortunata iniziativa Giovani Leoni, la rassegna dedicata agli emergenti, la serata del 25 ottobre intitolata Dinamitri Jazz Folklore che ospiterà il poeta Amiri Baraka.

In collaborazione con il Roma Jazz Festival, saranno proiettatiquattro documentari: sabato 7 novembre, "Stefano Bollani - Portait in blue", diretto da Michele Francesco Schiavon e due documentari su altrettante etichette che hanno fatto la storia del jazz e della musica black, la Blue Note e l'Atlantic. Domenica 15 novembre sarà la volta di “Blue  Note, a story of modern  jazz” scritto e diretto da Julian Benedikt. Domenica 22 novembre "Atlantic Records:The  House That Ahmret Built", scritto e diretto da Susan Steinberg. Infine domenica 29 novembre "Mps - Jazzin" The  Black  Forest" diretto da Elke Baurs.
 
 

[16-10-2009]

 
Lascia il tuo commento