Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Gerardo Rueda ai Mercati di Traiano

nuova scultura permanente

di Simone Chiaramonte

Il costruttivismo di Rueda "alla conquista di Roma". El Mundo celebra uno dei più grandi artisti contemporanei, il principale se non l'unico costruttivista spagnolo, definito "maestro dell'astrazione geometrica".

Gerardo Rueda, deceduto nel 1996, sarà il prima artista spagnolo che con le sue opere accederà ai Mercati di Traiano, uno dei complessi archeologici più importanti di Roma, la cui costruzione risale al II secolo ed in cui scultori del livello di Richard Serra e Anthony Caro hanno avuto la possibilità di esibire i propri lavori. Proprio i Mercati vengono considerati uno spazio imponente, che ben si adatta alle opere di un artista classico ed astratto le quali, secondo una delle organizzatrici, "si integrano in maniera perfetta all'ambiente".

All'inaugurazione dell'esposizione, che durerà sino al 22 novembre e riunirà 32 sculture, ha partecipato anche l'ex primo ministro spagnolo José María Aznar, il quale ha confessato di ritenere  Rueda il suo artista preferito.
La mostra è stata commissionata da Lucrezia Ungaro, direttrice del Museo dei Mercati di Traiano, dalla storica statunitense Barbara Rose e da Consuelo Ciscar, direttrice dell'IVAM, il museo che contiene il maggior numero di opere dell'autore.

Mostra a parte, il Comune di Roma ha deciso di acquistare per un milione di euro un'opera di Rueda, chiamata "Almagro Amarilla" : un'imponente scultura di quattro metri di altezza che sarà esposta permanentemente presso i Mercati di Traiano e che diverrà parte del paesaggio urbano di Roma, sarà infatti visibile dai Fori imperiali.           

[13-10-2009]

 
Lascia il tuo commento