Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, Totti stende il Napoli

I giallorossi rovesciano il risultato e vincono 2-1. Doppietta del capitano.

La Roma conclude il suo ciclo infernale d’ottobre con un’altra squadra incerottata e ferita, e diretta rivale per l’Europa. Giallorossi alla ricerca di una vittoria, dopo quella tutt’altro che convincente in Europa League, che potrebbe rilanciarli nelle parti alte della classifica.

Uno stadio semivuoti accoglie una Roma schierata da Ranieri con la conferma di Cerci esterno destro di centrocampo. Per il resto, Totti riprende, come previsto, il posto al fianco di Vucinic. La gara parte con la Roma, che schiera i quattro centrocampisti in linea, più pimpante del Napoli. Dopo appena tre minuti Totti premia con un gran pallone l’inserimento di Perrotta, che a tu per tu con De Sanctis si fa ipnotizzare dal portiere partenopeo. All’8’ è invece Riise a provare l’affondo sulla sinistra, ma il suo diagonale si perde a lato. Intanto Marco Motta deve lasciare il campo dopo una brutta caduta: al suo posto Cassetti. L’effetto lazzaretto si materializza al 21’, quando Julio Sergio accusa un problema muscolare e lascia i pali a Lobont. Il neoacquisto giallorosso ci mette tre minuti a farsi odiare: il Napoli, fin lì abbastanza nullo, passa in vantaggio con una giocata di Lavezzi, che in area ubriaca mezza difesa e sulla cui conclusione il romeno incassa la prima papera della sua avventura capitolina. La gara si accende sul piano nervoso, mentre su quello tattico la Roma, cortissima, mostra di soffrire gli inserimenti sugli esterni, e in particolare sulla fascia destra. Al 34’ doppia ammonizione Cannavaro-Vucinic. Il pareggio, più che giusto, arriva al 37’, con uno spunto di un Vucinic ancora fuori condizione: lo scarico a centro area, però, è ottimo, e sulla conclusione in scivolata di Perrotta ci mette il piedino Francesco Totti, che beffa De Sanctis da due passi. La prima frazione si chiude con la Roma che spinge e il Napoli che riparte.

Nella ripresa subito in campo Faty per Cerci, con Ranieri che conclude le sostituzioni e il centrocampo ora schierato a rombo. Al 53’ Totti ha sui piedi, servito da Vucinic, il pallone del 2-1, ma De Sanctis riesce a deviare il tiro da posizione defilata. L’appuntamento col raddoppio è solo rimandato: al 62’, infatti, il gol è tutto del capitano, che si libera al limite dell’area e trafigge De Sanctis con un diagonale perfetto. Nel calciare, Totti si fa male: a sostituzioni finite, viene curato per diversi minuti a bordo campo e poi rientra (chiaramente a mezzo servizio). Intanto, i giallorossi sfiorano il terzo gol con Perrotta, la cui girata di testa su cross di Pizarro finisce di poco a lato, e con Faty (molto positivo il suo impatto con la gara), che con una splendida conclusione al volo da posizione angolata sfiora il palo. La reazione del Napoli è in un pericolosissimo colpo di testa di Hoffer (entrato per Cannavaro) da distanza ravvicinata, che si spegne a lato. Per il resto, la Roma si chiude bene, soffre il giusto ma rischia pochissimo. E’ la “mentalità Ranieri”: basta un gol in più dell’avversario, e stavolta è la filosofia vincente.

Squadra corta, poche disattenzioni e pochi fronzoli, e soprattutto gran carattere, anche quando si è sotto nel risultato, stavolta Ranieri è riuscito a dispiegare la “sua” Roma. Una squadra che, evidentemente, mostra di giovarsi, e parecchio, delle mura amiche dell’Olimpico, ma anche di essere molto legata agli stimoli che una gara riesce a offrire. Maestoso Totti, le cui condizioni andranno verificate. Resta invece il problema (grave) degli infortuni. Prima della sosta, dunque, risultati e classifica cominciano, sia pur tenuamente, a sorridere. PS: torna l’incubo portiere?

 

Simone Luciani

 ROMA: Julio Sergio (22' pt Lobont); Motta (10' pt Cassetti), Andreolli, Burdisso, Riise; Cerci (1' st Faty), De Rossi, Pizarro, Perrotta; Totti, Vucinic. (Tonetto, Greco, Guberti, Okaka).All: Ranieri.

NAPOLI: De Sanctis; Cannavaro (24' st Hoffer), Rinaudo, Contini; Maggio, Gargano, Cigarini (43' st Denis), Hamsik, Datolo (36' st Zuniga); Lavezzi, Quagliarella. (Iezzo, Aronica, Pazienza, Bogliacino). All: Donadoni.Arbitro: Banti.

Marcatori: 25' pt Lavezzi (N), 37' pt e 18' st Totti (R)

Ammoniti: Cannavaro (N), Vucinic (R), Perrotta (R), Rinaudo (N)

 

Spettatori: 30 mila circa.

[04-10-2009]

 
Lascia il tuo commento