Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Libertà di stampa, folla a piazza del Popolo

''Il cittadino informato male è meno libero''

E' il giorno della libertà dell'informazione, il giorno della manifestazione a piazza del Popolo. Un appuntamento che ha attirato centinaia di migliaia di persone, da giornalisti, attivisti, ragazzi e cittadini che sentono di dover protestare contro un sistema che non garantisce il diritto ad essere informati.

 

"Il cittadino non informato o informato male è meno libero". Basta questa frase, detta dal palco dal presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida, per spiegare il senso della manifestazione. Questo 3 ottobre che ha visto 300mila persone (secondo la stima degli organizzatori, 60mila per la questura) stipare all'inverosimile piazza del Popolo a Roma, fino a creare un muro di persone in buona parte delle vie del centro.

Dovere di informare e diritto di essere informati, è lo slogan di cui si è fatta promotrice la Federazione nazionale della stampa. E all'appello hanno risposto in centinaia di migliaia. Arrivati in piazza del Popolo per applaudire Roberto Saviano che elenca nomi dei giornalisti caduti mentre facevano il loro mestiere. Chiedendo che non si "infanghi" il loro nome. Ricordando che "verità e potere non coincidono mai". In piazza per gridare la loro solidarietà a Repubblica, L'unità, Annozero, Report e a tutti coloro che, da tempo, sono nel mirino dell'esecutivo. Per riconoscersi. Per dire e, dirsi, che la libera informazione è il tassello fondamentale della democrazia. Per cantare che "libertà e partecipazione".

 

MOLTI RAGAZZI - E' una piazza che esprime un bisogno di partecipazione, di mobilitazione. Piena di ragazzi e ragazze. Sono davvero tanti quelli venuti a piazza del Popolo. Gente che cita Gramsci e il suo "odio per gli indifferenti". Una piazza variegata. Ci sono i giornalisti, davvero tanti. Anche quelli della stampa cattolica, da Avvenire a Famiglia Cristiana.

Ci sono cittadini che a farsi dare dei "farabutti" dal premier non ci stanno. Anche se quelli di Rai3 se lo scrivono, beffardamente, in uno striscione. Giornalisti che vedono minacciata la loro professione. "Il governo ritiri il dl Alfano e le querele contro Repubblica e Unità" dice il segretario della Fnsi, Franco Siddi.

 

TRAFFICO: Un sabato di impegno civile e traffico impazzito per la Capitale. Precari e studenti hanno protestato - con un corte in mattinata degli studenti medi, e due nel pomeriggio dei precari contro gli effetti della riforma Gelmini sul funzionamento delle scuole - e Piazza del popolo si è riempita per la manifestazione a favore della libertà di stampa organizzata dalla Fnsi. Molti i disagi per il traffico, in tilt la zona intorno a piazza del Popolo. Blocchi del traffico anche a Piazzale Flaminio e sul lungotevere, in corrispondenza di piazza del Popolo. Disagi anche nella zona intorno a viale Trastevere, chiuso al traffico per il corteo dei Cobas diretto al Ministero dell'Istruzione.

 
 

[03-10-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE