Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Nuovo stadio per la Roma

sarā intitolato a Franco Sensi

E' stato presentato a Trigoria; sarà intitolato a Franco Sensi il nuovo stadio della Roma. Commossa la figlia Rosella Sensi "Questo è un momento che mio padre aveva atteso per lungo tempo così come, prima di lui, il presidente Dino Viola: entrambi avevano messo al centro l'idea di uno stadio di proprietà". Lo stadio sorgerà in un'area a ridosso del nono chilometro della via Aurelia: uno spazio poco distante dall'omonima uscita del Gra situata all'esterno del Raccordo.

LE CARATTERISTICHE - "Sarà uno stadio da vivere sette giorni su sette, il primo ecosostenibile". Sono queste alcune delle caratteristiche di quello che sarà lo stadio della Roma sull'Aurelia. Ha spiegato l'architetto Gino Zavanella illustrando il progetto nella conferenza stampa a Trigoria: "La capienza è di 55.000 posti divisi in due anelli. Il posto più lontano del secondo anello è a 68 metri, rispetto all'Olimpico che è a 92. Abbiamo pensato ad uno spazio unico dove la partita è l'evento clou, ma dove si potesse vivere tutta l'intera giornata. Uno stadio attivo 7 giorni su 7, siamo nello standard europeo".

LE TRIBUNE - "Le tribune sono molto vicine al campo -prosegue Zavanella - Siamo stati attenti alle norme sulla sicurezza, lo stadio è senza barriere architettoniche e si può evacuare in 5 minuti. Proveremo a costruirlo senza divisioni tra settori. Saranno allestiti degli spazi dedicati alle famiglie, in particolare ai bambini. Le aree dei media sono tecnologicamente avanzate, ci sarà inoltre un museo della Roma da inserire nei tour della città. La struttura è formata da due Led e da una pelle in zinco titanio, resistente agli agenti atmosferici. La copertura ha dei pannelli fotovoltaici, lo stadio sarà ventilato e sarà irradiato il manto erboso. Sarà il primo stadio ecosostenibile. Questo stadio vive all'interno ed all'esterno, spenti i riflettori continuerà a rendere servizi alla gente per tutta la settimana".

COSTI - Difficile da stabilire il costo dell'impianto. ''Dire oggi quanto costerà può essere  fuorviante - spiega la responsabile amministrativa della società, Cristina Mazzoleni - Il costo comprende più elementi ed avrà un suo piano di sostenibilità economica. L'obiettivo primario è quello di creare valore per l'azienda e ricavi differenziali, con attività commerciali secondarie". Quanto ai tempi di realizzazione, i progettisti hanno parlato di 24-26 mesi dalla data di inizio dei lavori, "che per quanto possibile - aggiunge la Mazzoleni - si vorrebbe affidare ad imprese locali per favorire il tessuto sociale".

Un appoggio molto forte arriva dalle personalità politiche: sia Alemanno che Marrazzo promuovono il progetto. "La Roma - dice il sindaco - ha diritto ad avere uno stadio ed è opportuno che lo abbia. Lo stadio di proprietà per un club come la Roma è un'assoluta necessità.

LA FATTIBILITA' E LA POLEMICA -"Se il ministero dei Beni culturali non darà l'ok non si farà nessuno stadio". È quanto afferma il sottosegretario ai Beni culturali, Francesco Giro. "Sono tifoso della Roma ma per fare uno stadio - continua Giro - bisogna che le carte siano presentate alle istituzioni preposte. Per ora conosco solo le notizie che sono apparse sui giornali. Mercoledì si riunirà il comitato e vedremo di capire meglio quali sono i progetti e quali le opere di urbanizzazione. Non si possono lanciare proposte in questo modo".

 
 

[29-09-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
 
 
  CORRELATE