Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Strage della strada di Tivoli

via Tiburtina sotto accusa

la Ferrari distrutta

Sarà l’autopsia sui corpi dei conducenti delle due auto a chiarire se, oltre alla velocità della Ferrari, anche l’eventuale assunzione di alcool o droga abbia giocato un ruolo nel provocare l’incidente di Tivoli di sabato notte sulla via Tiburtina. Un bilancio drammatico, con 4 persone morte, due bambini che non nasceranno mai, 2 feriti gravi.

CONDIZIONE DEI FERITI: Restano gravi le condizioni di Emily
Dante, 20 anni
, una delle due ragazze ferite, entrambe in stato
di gravidanza, ricoverate nel Policlinico Umberto I di Roma: resta in prognosi riservata e si trova in coma farmacologico, mentre le condizioni del feto sono buone e stabili.

L'altra ragazza ferita, Alessia De Santis, 22 anni, è fuori pericolo ma il suo bambino non ce l'ha fatta. Lo rende la direzione sanitaria dell'Umberto I.

I familiari di Antonio Gabriele Bianchi, una delle quattro vittime dell'incidente, hanno dato il consenso alla donazione degli organi e, grazie al loro gesto d'amore, si è potuto procedere all'espianto di cuore, fegato, reni e cornee.    

Intanto, sotto accusa, c’è anche il tratto di strada dove è avvenuto lo scontro tra la Ferrari, che ha invaso la corsia opposta, una punto e una moto.

Dal comando dei vigili urbani ci confermano che la manutenzione della strada e della cartellonistica è competenza del comune di Tivoli. Non siamo riusciti a parlare, invece, con il sindaco o con l’assessore alla viabilità per sapere se, questa volta, verranno messi dei provvedimenti per limitare la velocità in quel punto maledetto, autovelox o dissuasori che siano.

LE FOTO DELL'INCIDENTE

 
 

[28-09-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE