Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Fiaccolata contro l'omofobia

''Roma dice basta all'intolleranza''

E' stato un corteo imponente e silente, con tutta la città in piazza - istituzioni, sindacati, partiti, associazioni e cittadini - con tante fiaccole e nessuna bandiera e striscione di partito uniti e coesi per dire no ad ogni forma di violenza.

IL CORTEO - Trentamila sono le fiaccole accese secondo la stima degli organizzatori Numerose le associazioni e i rappresentanti della società civile e politica partecipano pacificamente nel corteo. Tra le bandiere sventolate dai manifestanti il tricolore dell'Italia, la bandiera di Arcigay e anche striscioni di associazioni rom.

La manifestazione era stata organizzata congiuntamente dal presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, il sindaco di Roma Gianni Alemanno ed il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo. "Non ami che è diverso da te? Clonati". Questo lo slogan delle magliette e degli adesivi che la Provincia ha distribuito ieri alla manifestazione contro l´intolleranza e contro tutti i razzismi organizzata da Comune, Provincia e Regione. Parole scandite anche dal grande striscione che apriva un corteo che ha illuminato con trentamila fiaccole piazza Venezia, via dei Fori Imperiali e poi il Colosseo.

La manifestazione è iniziata in piazza Santi Apostoli. E nonostante il divieto di portare bandiere, in coda sventolavano tricolori italiani e simboli dei sindacati e del Pd.

C´era la madre di Paolo Seganti, giovane gay ucciso a Roma nel 2005. C´era tanta gente comune, romani. Famiglie, bambini, ragazzi etero e omosessuali. Una marcia di pace che si fermava spesso per lasciare il tempo a fotografi e operatori di scattare e fare riprese. E che è arrivata senza problemi al Colosseo, dove Nicola Piovani ha aperto lo spettacolo con alcune note al pianoforte. Poi sul palco sono saliti Gigi Proietti e Giorgio Albertazzi. Soddisfatti gli organizzatori. Primo fra tutti il presidente Zingaretti, che all´indomani della prima aggressione omofoba al Gay Village, aveva lanciato l´idea.

[25-09-2009]

 
Lascia il tuo commento