Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sesso, musica rap e droga

rapper romani arrestati per spaccio

Diciotto ordinanze di custodia cautelare e una trentina di perquisizioni, per spaccio di droga, tra giovani legati al mondo dei rapper, dei writer e dei collettivi hip pop romani.

"L'operazione è partita un anno fa con l'arresto di Armando Sciotto, detto "er cicoria" - ha spiegato comandante dei carabinieri della stazione Porta Cavalleggeri, Alessandro Casarsa - Successivamente abbiamo svolto indagini nell'ambito di alcuni rapper romani, come Moyz Narcos, arrivando al fermo di alcuni musicisti ed alla denuncia del cantante Emanuele Frasca", i cui testi fanno palesi riferimenti all'uso delle droghe ed al sesso estremo con richiami alla pornografia". 

IL VIDEO DELL'OPERAZIONE DEI CARABINIERI

Gli arresti sono avvenuti nella notte, l’operazione è partita poco prima dell’alba e ha impegnato più di cento carabinieri in molte aree semi centrali e periferiche della Capitale. Scene da film d'azione, con squadre di militari in tenuta da assalto ed elicotteri che volavano radenti illuminando con potenti fari le zone dell'operazione tra cui un'area limitrofa a via Gregorio VII e il perimetro Magliana-Trullo, dove i carabinieri sono intervenuti anche con unità cinofile.

PIANTAGIONE DI MARIJUANA - Nel corso delle operazioni, finalizzate in primo luogo alla lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti, sono state fermate e sottoposte a controlli centinaia di persone: 18 giovani sono stati arrestati, tra questi alcuni musicisti di una band romana e una coppia di trentenni che alla Magliana aveva in casa una vera e propria piantagione di marijuana, con piante alte anche due metri.

Uno degli arrestati faceva parte di un piccolo gruppo di rapper i "Noyz Narcos", che aveva inciso il cd "Calda notte", distribuito su un circuito amatoriale via Web e visibile su vari siti come quello dei Truce boys.
Nel disco, inni alla pornografia e alla canapa indiana e all'uso di droghe.

La procura aveva iniziato a indagare su un eventuale reato di istigazione a delinquere per la prostituzione, invece si è arrivati a scoprire - attraverso blog e siti di nicchia - una piccola rete di spaccio di hashish, marijuana, lsd e cocaina che venivano vendute nei quartieri di Testaccio e San Lorenzo, spesso in locali dove suonavano i rapper poi arrestati, ma anche in zone centralissime come via del Corso e piazza Cavour o altre vie di Prati.

Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati 10 chilogrammi di sostanze stupefacenti.

[18-09-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia