Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Videocracy - Basta apparire

di Erik Gandini

 di Francesco Picerno 

La storia degli ultimi 30 anni di televisione raccontata da un regista italiano cresciuto in Svezia: attraverso la nascita della televisione commerciale, incontrando i personaggi che ruotano attorno alla figura mediatica di Silvio Berlusconi, il racconto di un paese.

Dopo le polemiche nate dalla mancata trasmissione del trailer in Rai e su Mediast, e l’accoglienza al recente Festival di Venezia, arriva nelle sale il documentario VIDEOCRACY di Erik Gandini. Il racconto è incentrato essenzialmente su alcuni personaggi più o meno noti, con interviste e resoconti che si alternano alla presenza incombente del nostro presidente del Consiglio. Così conosciamo meglio la storia di Ricky - un giovane cantante/karateka che sogna di diventare una star emulando Ricky Martin - o dei noti Fabrizio Corona e Lele Mora descritti nelle loro abitazioni e nei loro giri all'interno del mondo dello star system. 

Se lo stile di Gandini appare inizialmente simile a quello del più noto e apprezzato Michael Moore, in breve tempo sembra prendere un’altra strada, seguendo un racconto di immagini spesso rubate che ambisce ad un discorso sociale. Scene che diventeranno veri e propri cult - come Lele Mora che fa ascoltare al cameraman la propria suoneria di Mussolini o Corona quasi preoccupato e attonito mentre si fa fotografare in discoteca con i suoi fan - fanno emergere, senza bisogno di troppi fronzoli né accanimento contro i personaggi raccontati, realtà private il più delle volte sconcertanti.

A non convincere forse, specialmente per gli italiani, è la poca originalità degli argomenti trattati: per un pubblico stanco di sentir ancora parlare di Berlusconi, della dittatura televisiva, e di vedere riproposti temi e protagonisti troppo noti, il lavoro finale risulta ben poco efficace. A stupire e meritare apprezzamenti però è lo stile con cui Gandini svela certe immagini mostruose - montate spesso attraverso scene in contrasto tra loro con una colonna sonora orrorifica - che descrivono pienamente personaggi agghiaccianti di un'Italia allo sbando dal punto di vista culturale e politico.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[14-09-2009]

 
Lascia il tuo commento