Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Flash of Genius

di Marc Abraham. Con Greg Kinnear, Lauren Graham

 di Rosario Sparti 

La vera storia di Robert Kearns, professore universitario e inventore a tempo perso, e della sua battaglia contro le fabbriche automobilistiche americane. La vicenda di un uomo che ha pagato a caro prezzo la sua ingenuità, ma che è pronto a tutto per vedersi riconosciuti i meriti per l'invenzione del tergicristallo ad intermittenza.

Nell’assolato deserto cinematografico di Agosto è uscito in alcune sparute sale del Belpaese un piccolo film, passato inosservato, ma che colpisce al cuore. Diretto dall’esordiente Marc Abraham, già produttore di film come I FIGLI DEGLI UOMINI o SPY GAME, fotografato ottimamente da Dante Spinotti, interpretato egregiamente dalla “mamma per amica” Lauren Graham ma soprattutto dal fantastico Greg Kinnear, il film è una storia classica ben scritta e ritmata.

Innegabilmente questo racconto del sogno americano con questo piccolo uomo che, alla ricerca della giustizia, si scontra con un colosso come la Ford riporta alla mente un film come TUCKER di Coppola, ma la pellicola è anche altro mettendo in scena un uomo con la sua ossessione. In questa ambivalenza, tra la lotta per un giusto ideale e il processo di autodistruzione a cui conduce il rapporto ossessivo con una idea, ad emergere sono le qualità interpretative, mai così alte, del protagonista. Una storia che narra dell’invenzione del tergicristallo elettronico ad intermitezza, non lesinando su particolari tecnici, di certo non appare molto intrigante, ma se il punto d’osservazione si sposta di poco soffermandosi su come nasca una idea e di come questa possa giungere, attraverso varie traversie, alla sua immissione nel mondo questo può diventare molto coinvolgente.

Con coraggio il regista conduce il film prima nelle vie del biopic, poi in quelle del film giudiziario passando per il dramma psicologico, e se questo per taluni può risultare straniante e dispersivo in realtà non fa altro che aggiungere sottostrati a questa storia molto americana sulla lotta per una idea giusta. Una conquista amara per raggiungere un ideale astratto che porterà a scelte dure, controcorrente e che finiranno per rendere più problematica l’empatia col protagonista che, anche a discapito del suo benessere personale e familiare, procederà senza sosta nella sua battaglia.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[30-08-2009]

 
Lascia il tuo commento