Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il 2° test del dna inchioda Bianchini

l'uomo è accusato di almeno tre violenze

E' il secondo test del DNA e anche questa volta dà ragione agli investigatori e peggiora la posizione di Luca Bianchini, accusato di aver compiuto almeno tre violenze sessuali negli ultimi mesi. L’ennesimo esame conferma la corrispondenza tra il dna di Bianchini e quello prelevato dai reperti biologici delle vittime.

La compatibilità – secondo gli investigatori – sarebbe la massima statisticamente rilevabile e non lascia dunque spazio a dubbi sulla colpevolezza del 33 enne. A rafforzare le accuse, poi, un’altra prova: le impronte digitali lasciate su un nastro isolante, lo stesso utilizzato per immobilizzare e imbavagliare le donne durante gli stupri. Un’impronta che, anche qui, non lascerebbe spazio a altre possibili interpretazioni e che riguarda la violenza consumata ai danni di una studentessa in zona Torcarbone nella notte tra il due e il tre luglio.

Dopo i risultati del test del DNA i difensori di Luca Bianchini hanno già giocato un’altra carta: hanno infatti chiesto l’esame medico-legale, che potrebbe essere propedeutico per un accertamento psichiatrico. La strategia della difesa sembrerebbe puntare al riconoscimento di problemi psichici.

UN TENTATO STUPRO IN UN GARAGE

 
 

[30-07-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Un tentato stupro"
 
 
  CORRELATE