Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Webber domina, la Brawn comincia a soffrire

Massa ottimo terzo. Gara da dimenticare per gli italiani.

Webber e Massa sul podio

Un week-end così probabilmente Mark Webber lo sognava da una vita. Ieri, a 33 anni, ha colto la prima pole della carriera e oggi è arrivata la prima vittoria in F1, che potrebbe perfino rilanciarlo (ma è oggettivamente molto difficile) anche nella corsa al titolo. Il pilota australiano ha dimostrato di poter andare forte come il suo osannato compagno di team (che alle sue spalle ha completato la doppietta della Bibita) e ha meritato il successo, nonostante una partenza poco felice che gli è costata un condivisibile drive-through. Sicuramente, oltre alla sua determinazione, deve ringraziare la sua Red Bull che adesso è divenuta ufficialmente la vettura migliore del Circus, soprattutto quando le temperature non sono alte e la Brawn Gp va in crisi con le gomme.

Button alla fine ha dovuto accontentarsi del quinto posto, mentre Barrichello, che pure aveva guidato la gara nella prima parte, ha chiuso mestamente sesto, rischiando addirittura all'ultimo giro di essere infilato da un Alonso tenace con una Renault più competitiva del solito. Il GP di Germania è stato molto divertente all'inizio, offrendo molti duelli sin dalla partenza, con Hamilton che ha azzeccato uno start spettacolare, ma ha ritardato troppo la frenata, ed è stato punito perfino eccessivamente con una sfortunata foratura, che in pratica ha determinato la fine di ogni sogno dopo una sola curva. Bilancio in chiaroscuro per la Ferrari. Ancora una volta il lato positivo della medaglia è quello di Massa, che ha artigliato il terzo gradino del podio, in virtù di una ottima strategia. Raikkonen invece non stava brillando, ma avrebbe comunque raccolto qualche punto se il suo motore non avesse ceduto. Notevole poi la prestazione di Rosberg, quarto al traguardo dopo essere scattato in quindicesima posizione. Se la Force India ha sprecato una buona occasione di arrivare nella top 8, sono semplicemente naufragate Bmw e Toyota (ma Glock stavolta fa meglio di un Trulli in giornata storta). Tra due settimane si va in Ungheria prima della pausa estiva. Button ha 21 punti di vantaggio su Vettel e 22,5 su Webber. Un bel bottino da amministrare, ma un piccolo campanello di allarme sta suonando.

Giuseppe Ciliberto

[12-07-2009]

 
Lascia il tuo commento