Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Francesco Totti verso il prolungamento di contratto

Resta in giallorosso Mexes, via Panucci e l'aeroplanino si ritira

Francesco Francesco Totti verso il prolungamento del suo rapporto d'amore con la Roma, il giocatore ha dichiarato che giocherà per altri cinque anni, fino al 2014, anno in cui il capitano giallorosso compirà trentotto anni.

Totti durante la conferenza stampa ha parlato del grande amore che lo lega a questa squadra, alla società e ai tifosi; il "pupone" di Porta Metronia è convinto che Rosella Sensi resterà presidente e ha detto in modo molto ironico che sicuramente qualcuno non sarà tanto contento della sua permanenza in giallorosso. E' evidente che il capitano in questo caso facesse riferimento all'avvocato Irti che nei giorni passati aveva affermato che "Totti sarebbe dovuto andare via in quanto rappresentava il male della Roma".

Capitan Francesco spende parole di elogio per mister Spalletti, sottolineando il grande feeling che è sempre esistito fra loro da quando il tecnico di Certaldo è arrivato a Trigoria e poi apre le porte ad un suo eventuale ritorno in Nazionale, affermando che se Lippi lo chiamasse per un evento importante, ad un tecnico come lui non si può dire di no.

Intanto fra un allenamento e un altro, la Roma festeggia il rinnovo di Philippe Mexes che fa tirare un sospiro di sollievo ai tifosi che già lo vedevano ad un passo dal Milan ma il difensore francese dice di essere contento di restare e che quest'anno dovrà superare un grande esame di maturità ovvero quello di essere leader del reparto arretrato, ruolo che fino a qualche tempo fa spettava a Christian Panucci che dopo sette anni in giallorosso ha le valigie pronte ed è vicino al Genoa, squadra che l'ha lanciato nel lontano campionato 1991-92.

Chi saluta per sempre la Roma ma sopratutto il calcio giocato è l'aeroplanino Vincenzo Montella che arrivato all'età di trentacinque anni, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo e di dedicarsi al vivaio giovanile; con il ritiro dell'attaccante campano se ne va un pezzo di quel glorioso scudetto della stagione 2000-01 che venne conquistato nel segno di Totti, Montella, Batistuta, oltre che di Capello e del tanto chiaccherato direttore generale Franco Baldini.

Marco Chinicò

 

[07-07-2009]

 
Lascia il tuo commento