Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sospeso il trattato di Shengen

fino al prossimo 15 luglio serve il passaporto

E’ scattata da mezzanotte di sabato scorso la sospensione del Trattato di Shengen sulla libera circolazione. Fino al prossimo 15 luglio si potrà entrare in Italia solo se muniti di passaporto o documento valido per l’espatrio.

E’ una delle misure di sicurezza predisposte in vista del per dare la possibilità alle forze dell’ordine di controllare con maggiore accuratezza chi arriverà nel nostro paese dall’estero.

Il blocco dell’accordo, con il quale è permesso ai cittadini di alcuni paesi europei di circolare liberamente tra i rispettivi confini senza obbligo di controllo alle frontiere, è scattato in una giornata particolarmente difficile per l’aeroporto di Roma. A

Fiumicino ieri sono transitati circa 120 mila passeggeri e qualche disagio è stato inevitabile. Nei prossimi giorni le cose dovrebbero migliorare con l’attivazione di nuove aree di controllo passaporti e un incremento delle forze di polizia.

Il Leonardo Da Vinci è considerato “obiettivo sensibile” in vista dell’arrivo dei grandi della terra. Si teme che i no-global possano organizzare manifestazioni di protesta in zona. Per tale motivo è stato predisposto un rigido cordone di sicurezza che dovrebbe evitare disordini e pericoli.

[30-06-2009]

 
Lascia il tuo commento