Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Mondiali di nuoto, tra inaugurazioni e sequestri

taglio di nastro a Pietralata, sequestri sul lungotevere e Saxa Rubra

Dopo un anno di lavori finalmente è realtà, pronto per i mondiali che inizieranno tra tre settimane: il polo natatorio realizzato in quinto municipio, oltre a rappresentare una cornice di prestigio alle gare in programma, è in realtà il primo tassello dell'eredità che i mondiali di nuoto 2009 lasceranno a Roma e soprattutto ai romani.

Non, insomma, l'ennesima cattedrale nel deserto, bensì una struttura che a Pietralata convoglierà gli amanti del nuoto e della pallanuoto.

I lavori sono durati poco più di un anno e hanno avuto un costo, complessivo di oltre 10 milioni di euro. La struttura dispone di un di un impianto sportivo coperto, con una vasca coperta da pallanuoto, una vasca di ambientamento e due palestre, e un impianto sportivo esterno, composto dalla piscina olimpica con tanto di tribuna e spiaggia perimetrale.

Ovviamente la struttura è perfettamente accessibile ai diversamente abili, che potranno usufruire degli ingressi  senza barriere architettoniche, posti riservati in tribuna e servizi igienici dedicati.

L'impianto di Pietralata è il primo ad essere pronto e consegnato. Per quelli di Ostia e valco san Paolo c'è tempo, almeno secondo gli accordi, fino al 30 giugno.

A proposito di mondiali di nuoto altre due piscine di allenamento, in altrettanti circoli di Roma, sono state sequestrate dalla magistratura nell'ambito dell'inchiesta sui presunti abusi edilizi che sarebbero stati commessi nella edificazione di strutture destinate ai mondiali di nuoto di luglio. I vigili urbani della sezione di polizia giudiziaria hanno messo i sigilli alle piscine dei circoli Tevere Remo, all'Acquacetosa, e Flaminio Sporting club nella zona di Saxa Rubra.

Il sequestro, chiesto dal pm Sergio Colaiocco, è stato ordinato dal gip Donatella Pavone. Secondo quanto si è appreso le strutture erano state realizzate, dopo l'ok del Commissario dei mondiali, Claudio Rinaldi - tra gli indagati nell'inchiesta - in deroga ai vincoli paesaggistici del Comune di Roma. Oggi ci sarebbe dovuta essere stata l'inaugurazione della struttura.

 
 

[25-06-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE