Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bloccata realizzazione cubature nell'Agro Romano

rischio paralisi per il piano regolatore

Il Piano regolatore continua a dare non pochi problemi alla Giunta Alemanno. L’ultimo stop è arrivato dalla Soprintendenza comunale ai beni architettonici che ha bloccato la realizzazione di un milione di metri cubi di nuove abitazioni che si sarebbero dovute costruire nell’Agro Romano, tra la Laurentina e l’Ardeatina.

La Soprintendenza è decisa a raddoppiare l’area sottoposta a vincolo, facendo passare a 5.400 ettari i 2.700 al momento tutelati. L’attuale piano regolatore è stato ereditato da Alemanno dalla Giunta Veltroni. Ad esso sono state apportate delle modifiche, come quella che prevede l’emanazione di un bando nel quale è contemplata la cessione compensativa, vale a dire la possibilità per i cittadini di cedere suoli di loro proprietà in cambio dell’autorizzazione a costruire altrove.

Nell’area in questione dovrebbero essere edificati circa 25.000 alloggi popolari che secondo la prima stesura di Veltroni e dell’allora assessore all’urbanistica Morassut si sarebbero dovuti realizzare puntando sulla densità al fine di non intaccare ulteriori metri cubi di terreno. Idea che l’amministrazione di centro-destra ha accantonato ritenendo che la realizzazione di palazzoni in periferia non vada a vantaggio della qualità della vita dei cittadini.

Alemanno si dice sicuro che verrà trovato un accordo con l’ ente che sovrintende ai beni architettonici che salvi le previsioni urbanistiche e tuteli, al tempo stesso le aree agricole che circondano la città.

Al momento, intanto, bisognerà rispondere alla Soprintendenza. Le soluzioni prevedibili sono due: l’indeficabilità totale dell’area o un’edificabilità parziale con vincoli sulle caratteristiche degli edifici.

Ad avere maggiori preoccupazioni, in questo momento sono i proprietari della maggior parte dei terreni in questione e cioè tre costruttori della capitale: Francesco Caltagirone, Gaetano Caltagirone e Pietro Santarelli.

 
 

[18-06-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE