Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Uomini che odiano le donne

di Niels Arden Oplev. Con Noomi Rapace, Michael Nyqvist

di Svevo Moltrasio

Il giornalista Mikael Blomqvist dopo aver perso una causa che lo cosringe al carcere, accetta di indagare per un ricco uomo ancora alla ricerca della nipote scomprarsa decenni prima. Lo affiancherà una strana hacker informatica che si rivelerà indispensabile.

Diretto dal regista televisivo Niels Arden Oplev, UOMINI CHE ODIANO LE DONNE, è la trasposizione cinematografica del primo di una trilogia di romanzi di grande successo scritta da Stieg Larsson, deceduto poco prima del boom editoriale. Produzione svedese, il film è stato presentato con un imponente lancio pubblicitario, in pieno stile hollywoodiano, ma la mancanza di stelle ne sta un po’ limitando gli incassi.

La pellicola si articola lungo un intrigo complicato che si risolve solo dopo due ore e mezza abbondanti, dove l’indagine risale ad episodi avvenuti decenni prima riguardanti una ricca famiglia svedese. Per diversi aspetti tornano alla memoria gli adattamenti recenti dei romanzi di Dan Brown – ancora nelle sale ANGELI E DEMONI – e anche qui, spesso, i colpi di scena emergono tramite le chiacchiere dei protagonisti. Eppure, nonostante Oplev opti per una regia estremamente essenziale, che lambisce la soglia del televisivo, l’intreccio è avvincente e il mistero che si svela più interessante del previsto.

Inoltre l’anomala coppia di protagonisti interagisce alla perfezione – merito anche degli ottimi interpreti – con un personaggio più stereotipato, come quello del giornalista, che acquisisce spessore grazie alla contrapposizione con la ragazza, vero punto di forza del film. Costruita sapientemente l’attesa prima dell’incontro diretto tra i due – che avviene praticamente a metà film – e i pochi momenti forti – lo stupro – sono messi in scena con gusto. Forse si poteva valorizzare di più l’ambientazione inospitale e gelida della cittadina svedese, ma visto l’ingombrante materiale di partenza, il risultato potrebbe essere d’esempio per l’industria hollywoodiana.

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - oplev - rapace - larsson
 

[06-06-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE