Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Commemorazione del 4 giugno

ha un nome l'''inglese sconosciuto''

 "E' importante per i giovani l'esempi di chi scelse di rischiare e combattere e di non nascondersi in casa. Questo esempio di eroismo deve essere un punto di riferimento per costruire e rinnovare la democrazia e il valore della libertà, ed è anche un modo per ricordare la liberazione di Roma dopo nove mesi di occupazione nazifascista".

 Ha scelto queste parole il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, durante la cerimonia per i martiri della Storta, per ricordare il sacrificio delle 14 vittime fucilate dai nazisti in ritirata il 4 giugno 1944.

Tra questi, oltre al sindacalista Bruno Buozzi, per la prima volta dopo 65 anni è stato possibile inserire nell'appello il nome del cosiddetto "inglese sconosciuto". Si tratta del giovane ufficiale dell'esercito britannico di origini ungheresi, Gabor Adler, alias capitano John Armstrong.

 L'individuazione di quella che finora era una vittima senza nome dell'eccidio della Storta, è stata possibile grazie al lavoro dello studioso Giampaolo Pellizzaro, membro dello staff del sindaco Alemanno. Il nome di Gabor Adler è stato aggiunto alla lapide che ricorda l'eccidio e il cippo marmoreo a lui intitolato è stato sistemato sul luogo della fucilazione.

La cerimonia si è svolta prima presso la lapide sulla Cassia, poi sulla stele sistemata nel Boschetto di via Labranca dove vennero giustiziati i martiri della Storta.

 Corone d'alloro invece a Porta San Paolo per il 65 anniversario della Liberazione di Roma. Alla cerimonia, che si è svolta alla presenza di ex partigiani ed ex militari inglesi, hanno partecipato il presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, il vice sindaco di Roma Mauro Cutrufo e
l'assessore regionale alla Tutela dei Consumatori Vincenzo Maruccio. Tre corone, del Comune, della Provincia e della Regione, sono state deposte di fronte alla targa che ricorda i
caduti.
 

[04-06-2009]

 
Lascia il tuo commento