Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Da sapere
 
» Prima Pagina
 
 

Fiesta Club 2009

compie 15 anni il Festival Latino Americano

 Di Giuseppe Duca
 
Per i suoi quindici anni “Fiesta!” ha deciso di festeggiare alla grande regalandosi una nuova veste. Da questa stagione, infatti, lo storico brand d’intrattenimento dell’estate a Roma, diventa “Fiesta Club’09”, un’area di 7000 mq con ristoranti, bar, discopub, stand commerciali e tante piste da ballo dedicate alla salsa classica e alla disco latina con tutte le sue nuove tendenze, il tutto immerso nel più grande locale all’aperto d’Europa. È questa la novità più rilevante: non si tratta più di un villaggio ma di un vero e proprio locale all’aperto, con le attività commerciali diversificate tra loro ma unite in un'unica cornice scenografica dal sapore architettonico coloniale, tipico dei luoghi caraibici e sudamericani che rappresenta.

 A coronare il tutto una grande arena concerti in grado di ospitare circa 5000 persone per gli eventi più importanti e due palchi più piccoli per concerti più intimi e raccolti. Per l’occasione “Fiesta!” ha voluto anche recuperare la sua identità originaria di Festival dedicato alla Cultura Latino Americana nel suo insieme e nelle sue diverse e variopinte molteplicità, dando spazio alle istituzioni, alla musica, alla cultura, agli odori, ai sapori e ai colori di ogni paese del Centro e Sud America. Conferma questa intenzione la scelta programmatica dello slogan che accompagnerà questa nuova edizione:  “100 % latino”.     

 Tra gli ospiti musicali, grande attesa per il gruppo spagnolo Jarabe De Palo (26 giugno), famosi in tutto il mondo per brani come “La flaca” e “Depende”, che presenteranno il loro nuovo album (in uscita in Italia il 1 giugno) Orquesta Reciclando, una raccolta di rivisitazioni dei loro più grandi successi. L’offerta musicale di quest’anno, sotto l’abile guida del direttore artistico Mansur Naziri, prevede inoltre un omaggio al Brasile e, soprattutto, al Carnevale con la presenza di gruppi quali Andre Rio & Trio Sotaque, Diana Miranda & Xero No Cangote (24 luglio), Armonia Do Samba (21 luglio), Olodum (15 luglio) ed il cantante Neguinho da Beija Flor (7 agosto), esponente principale di una delle scuole di samba più famose ed importanti di Rio, La Beija Flor che quest’anno festeggia 60 anni dalla sua fondazione. Sempre dal Brasile il graditissimo ritorno di Toquinho (luglio, data da definire). E poi ancora Issac Delgado y La India (23 luglio), Eva Ayllon (30 luglio), Charanga Habanera (4luglio) , Los Van Van (25 giugno), Gilberto Santarosa (8 luglio), Paulito FG (18 luglio), Adalberto Alvarez (22luglio) e molti altri, per un totale di circa 30 concerti. Un’offerta di prim’ordine ma sempre a prezzi popolari per favorire il pubblico estivo fatto di giovani, turisti italiani e stranieri e soprattutto immigrati latino americani che qui ritrovano un po’ del sapore e dell’atmosfera di casa loro.

Renzo Arbore, da anni padrino e assiduo frequentatore della manifestazione, ha dedicato al festival la canzone “La Zanzarita” che sarà la sigla ufficiale della manifestazione, aprendo e chiudendo tutti i concerti.

 “Anche quest’anno Fiesta si propone, con la sua ampia offerta di musica e spettacoli, di essere il centro di intrattenimento più frequentato dell’estate romana con la sua tipica atmosfera caraibica – spiega il direttore artistico Mansur Naziri - dando la possibilità di scoprire nuove tradizioni, assaggiare ricette esotiche, assistere a concerti, ballare, acquistare oggetti di artigianato, incontrare persone di etnie diverse, il tutto con un unico tema centrale: la cultura e la musica latino americana”.

Informazioni per il pubblico:
Fiesta Club ‘09 - Festival Internazionale di Musica e Cultura Latino Americana a Roma 19 giugno – 16 agosto 2009.
Ippodromo delle Capannelle, Ingresso C - Via Appia, 1245 – Roma

Orari di Apertura: dom-giov dalle 20.00 alle 02.00, ven-sab dalle 20.00 alle 03.00

Inizio concerti: ore 22.00.

Prevendite: Greenticket e Ticket One.

Website: www.fiesta.it
      

[28-05-2009]

 
Lascia il tuo commento