Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Angeli e Demoni

di Ron Howard. Con Tom Hanks, Ewan McGregor, Ayelet Zurer

di Svevo Moltrasio

Torna il professor Langdon: questa volta il mistero da svelare è a Roma, tra le mura vaticane. Omicidi efferati, rapimenti di vescovi e il ritorno di vecchie confraternite, sono gli ingredienti giusti per le avventure del professore americano.

Si ripete la squadra del fortunato IL CODICE DA VINCI: alla regia sempre Ron Howard, che torna alla grande produzione dopo il piccolo film, molto apprezzato in patria, FROST/NIXON. Il romanzo di Dan Brown ha venduto decisamente meno copie rispetto al precedente già portato sullo schermo, ed anzi in realtà è stato pubblicato prima. Non a caso gli incassi sono notevolmente inferiori a IL CODICE DA VINCI.

Il centro dell’azione si sposta da Parigi a Roma, motivo di maggiore interesse per noi pubblico italiano: vedere la capitale percorsa in lungo e in largo, tra corse contro il tempo con macchine sfreccianti per il centro, ed assistere a omicidi di massa in chiesa, rischia, ai nostri occhi, di risultare difficilmente credibile. Detto questo il film riprende il ritmo e le atmosfere del precedente, con un intrigo scellerato che si dipana tramite dialoghi spesso contorti, dove lo spettatore resta ai margini e ogni colpo di scena è frutto di riflessioni del protagonista.

L’illogicità dei personaggi e delle situazioni oltrepassa la soglia del buon gusto, sfociando in un finale in piazza San Pietro che tocca punte di trash inaccettabili per una produzione che annovera straordinari professionisti. Certo il baraccone è talmente innocuo che è difficile prendersela, e se si accettano le regole, magari, qualcuno, può anche finire per divertirsi. Oltre alla location, per noi, altro motivo d’interesse la prova di Pierfrancesco Favino che, per quel poco che deve fare, non sfigura.

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[27-05-2009]

 
Lascia il tuo commento