Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Antichrist

di Lars von Trier. Con Willem Dafoe, Charlotte Gainsbourg

di Svevo Moltrasio

Dopo la morte del piccolo figlio, una coppia cerca di superare il dramma. Lei crolla in una spirale traumatica, lui cerca di aiutarla. Si trasferiranno nella loro piccola casa in mezzo ai boschi, ma non sarà una buona idea.

Il nuovo film di Lars von Trier è stato presentato al Festival di Cannes dove, nonostante avesse tutta la critica contro, è riuscito ad ottenere il premio per la migliore attrice Charlotte Gainsbourg. Dopo la commedia – almeno tale era nelle intenzioni – IL GRANDE CAPO, il regista danese torna alle atmosfere cupe, quasi horror, già sperimentate in quello che forse è il suo lavoro migliore: THE KINGDOM.

Lo spunto di partenza del film è facilmente leggibile: in seguito al trauma della perdita del figlio, una coppia reagisce al dolore. La donna è distrutta dal senso di colpa, l’uomo, psichiatra, cerca di aiutarla ma si ritrova in breve tempo coinvolto direttamente nel delirio della compagna. Von Trier riempie questo percorso di riferimenti mistici, orrorifici e metaforici, ma ciò che più prevale a conti fatti, è la condanna verso la donna e le sue debolezze che rischiano di contagiare anche l’uomo. Oltre al discutibile assunto, il film è immancabilmente messo in scena con una violenza snervante che va ben oltre le crudezza delle immagini – con tanto di organi genitali tagliati in primo piano -. Von Trier come al solito aggredisce lo spettatore, impedendogli così una vera partecipazione, ciononostante non riesce a nascondere la pochezza di fondo, e spesso sfocia nel ridicolo.

Dopo l’accoglienza a Cannes, il regista sembra ormai aver davvero esasperato il proprio pubblico, e i fan sono sempre meno numerosi. Eppure proprio in questa storia, ridotta a poche location, con due soli personaggi che finiscono per massacrarsi a vicenda, si percepisce quasi un ultimo rantolo dell’autore, autolesionista certo, ma forse più sincero che in altri episodi. Immeritato il premio alla Gainsbourg e assurda la dedica a Tarkovskij.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[27-05-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE