Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

La rosa tatuata

Al Quirino Mariangela D’Abbraccio nel dramma a lieto fine di Williams

Di Giuseppe Duca

La stagione del Teatro Quirino si chiude con “La Rosa tatuata”, il dramma a lieto fine di Serafina, personaggio femminile imprevedibile e sopra le righe, passionale ed ironico, a cui dà corpo e voce Mariangela D’Abbraccio.

Teneessee Williams nel ’51 scrisse appositamente questo testo per un’attrice del piglio di Anna Magnani, che ne fece un film da Oscar nel 1955, e la storia recupera oggi meccanismi e sfumature del tutto teatrali, di forte impatto emotivo, abbinandoli a momenti di grande comicità. Francesco Tavassi infatti, regista ma anche curatore delle scene e delle luci, oltre a ritagliarsi un piccolo cameo da attore, guida all’autoironia la D’Abbraccio attingendo a tutto il suo essere donna del sud. Una delle poche opere del drammaturgo americano dove il sapore della commedia prevale sul tipico pessimismo della tragedia, rintracciando l’attualità di una società che si misura costantemente con culture, tradizioni e superstizioni ancestrali. Allora, questo melodramma, ambientato in quei paesaggi del sud degli Stati Uniti tanto cari all’Autore, diventa l'occasione di tradurre l'affettuosa critica in un’ironica autocritica, da affrontare con una comicità caustica che tenga presente ogni aspetto di quel “carattere italico”, così umorale e appassionato, da svelarne sentimenti e contraddizioni.

La scenografia rappresenta un frammento di villaggio in continua trasformazione confusamente cosparso di elementi made in U.S.A. che mal si adattano ad una organizzazione delle cose tipicamente italiana. Di tanto in tanto lo spaesato arrivo di nuove famiglie di emigranti rende tutto, colorato, buffo e scanzonato, raccontando però miseria e voglia di rivalsa. Senza rinunciare ad un brillante lieto fine.

A completare il cast artistico Paolo Giovannucci, Dajana Concione, Giuseppe Pestillo, Maurizia Grossi, Elena Vettori e Antonietta Rado.

“La Rosa Tatuata” resterà in scena fino al 31.

Biglietteria del teatro Quirino tel. 06/6794585 (ore 10/19)

[22-05-2009]

 
Lascia il tuo commento