Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Lotta all'abusivismo edilizio

abbattuta villa di 300 mq a Finocchio

 Sono intervenuti con le prime luci dell’alba i vigili della municipale dell’8° e 10° gruppo e i due potenti mezzi meccanici impegnati per un’importante operazione anti-abusivismo in località Finocchio, in via Castamagna. Al comando della task-force, in cui era impegnato anche personale della protezione civile, Antonio di Maggio, responsabile dell’ufficio anti-abusivismo del comune di Roma.

 

 "La costruzione - ha detto Di Maggio - era stata sottopsosta già tre volte al sequestro e tutte le volte i sigilli sono stati violati. Siamo intervenuti noi dell'VIII gruppo, personale del X e del gruppo Sicurezza".  Presente sul posto anche l'assessore all'Urbanistica del Comune di Roma Mario Corsini che ha detto: "è un edificio abusivo che la magistratura stava monitorando da più di un anno. La decisione l'abbiamo presa la settimana scorsa attraverso l'ufficio anti abusivismo del Comune e stanotte alle 3 c'è stata una riunione in Municipio. Sono interventi importanti e questo non sarà certamente l'ultimo". "In questa zona ci sono tantissime case abusive - ha detto il fratello del convivente della proprietaria che vive lì vicino - hanno deciso di abbattere la nostra solo perché siamo sinti, questo è razzismo".

Ad edificare la villa, un edificio a tre piani con una superficie di circa 300mq, Piperi Petrow, 38 anni, un siniti di nazionalità italiana, che all’arrivo degli agenti ha minacciato di suicidarsi.

 Dopo la colluttazione l’uomo è stato disarmato e immobilizzato, anche con l’uso di spray al peperonicino, sotto gli occhi dei figli e del fratello Pietro.

L’operazione segna una accelerazione nella lotta all’abusivismo da parte dell’amministrazione capitolina, presente per tutto l’intervento con l’assessore all’urbanistica, Marco Corsini.

[21-05-2009]

 
Lascia il tuo commento