Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

300 alloggi per famiglie in graduatoria con 10 punti

il Comune acquisterà 30 milioni di immobili

Duecento o trecento alloggi da consegnare entro il 30 settembre ad altrettante famiglie in gradutatoria con 10 punti. Per farlo il Campidoglio ricorre ad un bando di acquisizione con 30 milioni del comune di Roma. Una piccola risposta, ma rapida sottolinea l’assessore alla casa antoniozzi dopo anni di immobilismo del centrsoinistra, che peschera’ nel patrimonio immobiliare all’interno del comune per evitare doportazioni in provincia. Da un grossolnao calcolo gli appartametni da massimo 75 metri quadri per famiglie di 2 unita’, dovrebbero costare al comune dai 2 mila ai 3 mila euro al metro quadrato.

"Con questi 300 alloggi - spiega Antoniozzi - sommati ai 257 assegnati nel secondo semestre 2008 e ai 126 assegnati nel 2009, permetterà di arrivare a un totale di più di 700 alloggi consegnati".

Sono 1197, ricorda Marco Visconti, delegato del sindaco per l’emergenza abitativa le famiglie con 10 punti realmente aventi diritto, dopo che 3000 sono state tolte dalla graduatorie perché i controlli della giunta Alemanno hanno portato alla luce la’ssenza di requisiti.  

Lotta all’illegalità sottolinea Antoniozzi, come risposta alle critiche dei movimenti con i quali, dopo le contetsaizoni delle ultime settimane , il dialogo sembra ormai compromesso.

55 gli sgomberi effettuati nel 2009, mentre altri 350 sono in programma e il dirigente del dipartimento politiche abitative del comune di Roma, Raffaele Marra, parla di 3500 case aassegnate ad un proprietario morto, passate ad altro proprietario senza alcuna assegnazione.
  
Infine la presentazione di un altro bando, che sarà pronto a luglio, e che permetterà, attraverso lo strumento del cambio di destinazione d'uso in variante, il recupero di circa 10.000 manufatti rurali abbandonati (stalle, fienili, casolari, granai), presenti nel territorio comunale. L'obiettivo – conclude l’assessore – è di destinarne una parte all'emergenza abitativa, in particolare all'housing sociale, e un'altra finalizzata a riattivare un percorso economico virtuoso.

[18-05-2009]

 
Lascia il tuo commento