Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Viaggio del Papa, l'analisi di Al Arabiya

incontro contornato da polemiche

di Simone Chiaramonte

Una delle maggiori televisioni arabe, più seguita di Al Jazeera in alcune aree, analizza il viaggio del Papa in Medio Oriente. Lo fa riproponendo antiche polemiche, sin dall'incipit: "Papa Benedetto XVI ha incitato alla riconciliazione fra le fedi nel secondo giorno del suo viaggio in Terra Santa ma ha deluso gli ecclesiastici musulmani per non aver offerto nuove scuse a seguito delle dichiarazioni del 2006, interpretate come un attacco all'Islam".  

Si riporta quindi un passo importante del discorso del Pontefice pronunciato nella più grande Moschea di Amman: "Non si possono di certo negare le tensioni e le divisioni fra fedeli di differenti religioni ma non è forse vero che è la manipolazione della religione, spesso per scopi politici, a costituire la vera causa delle tensioni e a volte delle violenze fra uomini?".

Al Arabiya ribadisce quindi il disappunto di alcuni esponenti musulmani per le mancate nuove scuse in riferimento al contestato discorso di Ratisbona da parte del Papa, che ha invece parlato a tal proposito di "spiacevoli incomprensioni". In occasione della sua visita in Giordania il principale partito di opposizione, il Fronte d'azione islamico, ha negato il suo benvenuto. "Le parole che il Papa ha detto non corrispondono a delle scuse", ha riferito poi Hammam Said, leader giordano dei Fratelli musulmani e professore universitario. A queste critiche si sono aggiunte quelle del mufti della città di Karak: "Vogliamo chiare scuse". A percepirle come tali è stato però il re Abdullah II che, tramite il suo consigliere, ha ringraziato il Pontefice.

Visita alla Moschea, altra polemica: Benedetto XVI non ha infatti tolto le scarpe accedendo al luogo di culto. Il portavoce Francesco Lombardi ha però specificato: "Il Papa era pronto a toglierle ma la sua scorta lo ha condotto per uno speciale cammino".

Ogni viaggio della massima autorità cattolica, invece di portare ad una distensione degli animi, sembra dunque offrire il pretesto per nuovi attacchi e polemiche. Questo è quanto traspare dal servizio di Al Arabiya. La conferma è data dai commenti dei lettori all'articolo della tv araba: "un musulmano" definisce il Papa un ipocrita, Murad si indigna perché il Pontefice ha utilizzato nei suoi discorsi la parola "moschea" e non il vocabolo arabo "masjid", c'è quindi chi si altera per il mancato rispetto del precetto di levare le scarpe. Tra i commenti c'è però anche quello di Seth, che afferma: "Con che coraggio alcuni musulmani chiedono pubbliche scuse se loro stessi non ne hanno mai pronunciata una verso il resto del mondo, per le diverse violenze fisiche commesse in nome dell'Islam?".

L'ARTICOLO DI AL ARABIYA

[11-05-2009]

 
Lascia il tuo commento