Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Rinvio a giudizio per Verzaschi e Lady Asl

confermate le accuse di corruzione e concussione

L'ex assessore regionale alla Sanità del Lazio ed ex sottosegretario alla difesa Marco Verbaschi E Anna Giuseppina Iannuzzi (nota come 'Lady Asl') e altre cinque persone sono state rinviate a giudizio per l'ennesima tranche dell'inchiesta sulla megatruffa ai danni del Servizio sanitario regionale del Lazio.

Lo ha deciso il gup di Roma Sandro Di Lorenzo, che ha prosciolto altri due imputati e assolto un terzo. Oltre a Verzaschi e Iannuzzi, a partire dal prossimo 5 ottobre, saranno giudicati il marito di Lady Asl, Andrea Cappelli; i funzionari sanitari Marco Buttarelli, Mario Celotto, Francesco Vaia e Benedetto Bultrini. 

Le accuse nei confronti delle persone rinviate a giudizio sono corruzione e concussione. Dichiarati prescritti i reati di falso, truffa e peculato.

Verzaschi è accusato di aver ricevuto da Lady Asl una tangente per l'accreditamento di 182 posti letto di riabilitazione del Centro Romano San Michele. E anche di avere intascato 200 mila euro da un imprenditore per l'aggiudicazione di un appalto per la messa in sicurezza dell'ospedale San Giovanni.
 
 

[04-05-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE