Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Influenza suina

a Roma primo caso, Ŕ giÓ guarito

E' fuori pericolo ed è in via di guarigione il 25 enne romano contagiato da febbre suina. Il ragazzo, tornato da una vacanza in Messico, aveva accusato i sintomi dell'influenza e si era rivolto all'ospedale anzani. Assieme a lui anche la fidanzata è stata sottoposta a un ciclo di trattamento. Intanto i medici ricordano: il consumo di carne suina non espone l'uomo ad alcun rischio.

"Il giovane si era recato in Messico alla fine di aprile - ha spiegato il medico direttore dell'Unità operativa Malattie Infettive dell'apparato respiratorio Francesco Nicola Lauria- dal 27 aprile aveva la febbre, e il 30 aprile alle 14:30 si è presentato in ospedale. È stato sottoposto ai test e, in attesa dei risultati, ha deciso di tornare a casa. Oggi - ha proseguito Lauria - è arrivata la conferma della diagnosi: lo abbiamo richiamato proponendogli un ricovero, ma lui, sentendosi bene, è tornato a casa e gli abbiamo consigliato di non uscire". Il medico ha riferito inoltre che il paziente prende i farmaci specifici già da venerdì e che la fase contagiosa è terminata già a sette giorni dall'insorgenza dei primi sintomi. Per precauzione, comunque, gli è stata data una prognosi di 10 giorni. Il ragazzo, ha aggiunto Lauria, si è recato in Messico con la fidanzata con la quale però non convive. Anche la giovane, pur non presentando i sintomi, è stata sottoposta a un trattamento profilattico.

Lo conferma il ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali. L`uomo è stato trattato con antivirali, sta bene, è attualmente in isolamento domiciliare con la sua compagna, anch`essa sottoposta a profilassi. Il nuovo caso di influenza A/H1N1, sottolinea in una nota il Ministero, non cambia lo scenario illustrato ieri dal ministro Sacconi e dal sottosegretario Ferruccio Fazio nel corso della conferenza stampa che si è tenuta presso la sede di Lungotevere Ripa. L`aumento dei casi in Italia "era infatti previsto ma ciò non desta particolare preoccupazione sia perché questo nuovo virus è responsabile di una sintomatologia più leggera di quella determinata dal virus dell`influenza stagionale, sia perchè l`Italia dispone di scorte sufficienti di farmaci indicati per il trattamento di questa infezione nonché di Centri di riferimento di eccellenza per il ricovero e il trattamento delle persone affette".

[04-05-2009]

 
Lascia il tuo commento