Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Manifestazione lavoratori Enel

''Si alla conversione al carbone pulito'', blitz di Greenpeace

Un centinaio di lavoratori Enel della centrale di Porto Tolle (Rovigo) si sono radunati sotto la sede del ministero dell'Ambiente su via Cristoforo Colombo.

L'iniziativa è organizzata dalle Rsu Filcem, Flaei E Uilcem in vista della riunione odierna della Commissione ministeriale Via, con all'ordine del giorno la discussione dell'iter autorizzativo della centrale a carbone pulito. "Auspichiamo una soluzione positiva della vicenda - spiega Dalmazio Passarella, responsabile Filcem-Cgil - per il progetto di conversione, visto l'impegno ribadito dal ministro Stefania Prestigiacomo nella nostra precedente manifestazione del 12 febbraio scorso".

La nostra - aggiunge - "è un'iniziativa di proposta, non di protesta" considerando anche i programmi del Piano industriale di Enel, presentato lunedì scorso ai segretari generali di Cgil, Cisl E Uil e delle federazioni di categoria. "Enel ha annunciato ieri che assumerà 3.000 persone - continua Passerella - vogliamo che i nostri figli possano avere un futuro e le opportunità che passano dalla conversione a carbone pulito della centrale di Porto Tolle". "Noi lavoratori della centrale di Porto Tolle - spiegano i rappresentanti sindacali - crediamo in questo progetto".

I manifestanti hanno distribuito volantini con le ragioni del "Sì" alla conversione a carbone pulito; alla manifestazione partecipano anche i lavoratori Enel di Civitavecchia, impianto "gemello" a quello di Porto Tolle, e dipendenti delle imprese polesane coinvolte nell'indotto dell'impianto.

In mattinata blitz di Greenpeace e Legambiente sempre al ministero dell'Ambiente, questa volta per protestare contro la centrale termoelettrica dell'Enel a Porto Tolle: gli attivisti delle due associazioni hanno srotolato uno striscione di nove metri "No al carbone" e innalzato una ciminiera fumante sul marciapiede sottostante, in occasione del voto della Commissione Via(Valutazione di Impatto Ambientale) del ministero. "Il via libera alla riconversione a carbone della centrale termoelettrica Enel di Porto Tolle in discussione in Commissione VIA regalerà al'Italia altri 10 milioni di tonnellate di emissioni di CO2, contro gli obiettivi europei per la riduzione delle emissioni entro il 2020".

 

[29-04-2009]

 
Lascia il tuo commento