Giornale di informazione di Roma - Domenica 11 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Stupro di Guidonia, liberi due fiancheggiatori

avranno l'obbligo di dimora

il luogo dello stupro

Tornano in libertà i due romeni che avrebbero aiutato gli stupratori di Guidonia, Mugurel Goia di 22 anni e Ionut Barbu di 30 erano agli arresti domiciliari.

Alla fine di gennaio avevano spalleggiato il “branco” composto da quattro romeni, ora in carcere, che la notte del 23 gennaio, stupro’ una ragazza di 21 anni e picchio’ il suo fidanzato poi chiuso nel bagagliaio, la coppietta che si era appartata in un auto nelle campagne di guidonia fu anche rapinata.

I due avrebbero aiutato gli autori della violenza a nascondersi e avrebbero organizzato la loro fuga verso il nord Italia. Sono ora decaduti i tre mesi di custodia cautelare preventiva, resta per i due romeni solo l’obbligo di dimora in una località segreta, disposta dal giudice delle indagini preliminari Cecilia Angrisano.

I due fiancheggiatori sono accusati, oltre che di favoreggiamento, anche di resistenza a pubblico ufficiale. La procura aveva presentato appello al riesame, per far rientrare anche loro in carcere.

Lo scorso febbraio si erano sollevate pesanti polemiche, soprattutto da parte dei cittadini di Guidonia, alla notizie che erano stati concessi gli arresti domiciliari.

Goia e Barbu hanno sempre sostenuto di aver dato una mano ad un connazionale senza sapere che quell’uomo fosse uno dei violentatori, dovranno ora dimostrarlo al giudice.

 
 

[28-04-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE