Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Platini consegna la coppa ai romani

presentato il trofeo della Uefa Champions League

"Ci vorrà coraggio, ma la decisione dell'Uefa d'ora in poi è di fermare le partite in caso di cori razzisti per dieci minuti, e in caso continuino nonostante gli annunci di chiuderle". Michel Platini , il presidente Uefa, ha preso posizione sui cori razzisti negli stadi, durante la cerimonia di consegna della coppa di Champions nelle mani del sindaco Alemanno, in vista della finale allo stadio Olimpico il 27 maggio.

Giancarlo Abete, presidente della federazione italiana, ha detto che le regole saranno cambiate in modo che le partite possano essere fermate in caso di cori razzisti: "Il sistema italiano dà già alle autorità il potere di sospendere la gara in caso di striscioni che incitano alla discriminazione razziale, potenzieremo questo aspetto, naturalmente con attenzione e cercando di trovare un equilibrio con le esigenze di sicurezza del pubblico". E da ex giocatore della Juventus, Platini ha detto: "I tifosi juventini non sono razzisti, li conosco da trent'anni, hanno avuto e hanno giocatori di colore. In ogni caso ho sentito cori più intelligenti".

E il presidente Uefa ha annunciato che l'Uefa inviterà 50 bambini dell'Aquila ad assistere alla finale di Champions League: "L'Uefa vuole fare qualcosa per questi bambini che hanno sofferto e soffrono tuttora". Oltre a quelli per i 50 bambini, l'Uefa si impegna a rendere disponibili altrettanti biglietti per gli adulti che li accompagneranno.

[22-04-2009]

 
Lascia il tuo commento