Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sicurezza delle donne al volante

nasce la ''scatola rosa''

Nell’ambito del protocollo stipulato tra la Provincia di Roma e la Fondazione Ania, è stata prevista la fornitura di “scatole rosa” allo scopo di favorire la sicurezza delle donne al volante. Si tratta di dispositivi satellitari installati in un punto nascosto del veicolo che costituiscono la memoria digitale dello stesso.

Grazie a un collegamento 24 ore su 24, la centrale operativa è in grado di ricevere un segnale di emergenza qualora la vettura abbia un incidente, localizzarla  e allertare immediatamente i soccorsi. Invece, in caso di aggressione o di guasto meccanico, la guidatrice può inviare un Sos di emergenza premendo un apposito pulsante in auto o su un piccolo telecomando che funziona nel raggio di alcuni metri. La centrale, una volta ricevuta la segnalazione di pericolo, provvederà a contattare la donna sul suo numero di cellulare e ad attivare le forze dell’ordine competenti.

A stupire è il fatto che una tale iniziativa finalizzata a promuovere la sicurezza stradale sia destinata solo al “gentil sesso”. Secondo i dati Censis del Rapporto Automobile 2008, infatti, le donne alla guida sono più razionali e attente degli uomini, dimostrando maggiore freddezza decisionale e minore aggressività. Il 70% degli incidenti gravi in ambito urbano vede infatti come protagonista un uomo e la percentuale sale a 83 per quanto riguarda i sinistri sulle 2 ruote. Questo comporta che a fronte del 20% di uomini che ha perso i punti sulla patente, le donne siano solo il 9%. Se poi si considera che gli incidenti stradali rappresentano la prima causa di morte tra i giovani, sarebbe auspicabile estendere la sperimentazione di questi dispositivi ai ragazzi, indipendentemente dal proprio sesso.

[21-04-2009]

 
Lascia il tuo commento