Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Usura, fenomeno in aumento

nel 2008 1.288 casi

Nella nostra regione sono in aumento i reati legati all’usura; un terzo dei commercianti ha avuto negli ultimi anni rapporti con il mercato del credito “a nero”. L’usura si estende anche ad artigiani, professionisti, dipendenti pubblici e pensionati.
Sono i dati del rapporto “sos impresa lazio”, che oggi ha presentato il bilancio di un anno di attivita’ dello sportello antiusura e antiracket.

Per questo la Regione Lazio ha scelto la strada di "raddoppiare l'impegno finanziario - ha chiarito l'assessore alla Sicurezza Daniele Fichera - passando da un finanziamento della legge antiusura del 2001 di 1,5 mln di euro nel 2007 a 3
mln nel 2008 e che diventeranno 6 mln con il bilancio 2009. Una risposta al fenomeno che riguarda, oltre a piccoli imprenditori artigiani o commercianti, 20 mila famiglie".


Il rapporto di 'Sos impresa Lazio', che presenta il bilancio di un anno di attività dello sportello antiusura e antiracket (1.288 contati nel 2008 di cui 211 casi presi in carico e assistiti, 189 che risiedono nel Lazio, il 59% a Roma, il 20% in provincia di Roma, il 9% al Viterbo, il 6% a Frosinone, il 5% a Latina e l'1% a Rieti e 22 in altre regioni e presto altri due sportello nella regione, uno a Monterotondo e uno a Latina) parla di un giro d'affari, solo per il settore commercio, stimato in circa 2,3 mld di euro fra interessi pagati ed altreutilità. A partire dal 2000 sono state censite oltre 4mila persone tra quelle denunciate, indagate o semplicemente coinvolte in giri usurari.

Nel 2008 sono stati 1.288 i casi di usura contati dallo sportello, il 59% di questi a Roma. Da domani sos impresa del lazio mette a disposizione il numero verde per le vittime del racket e dell’usura: 800.900.767

[20-04-2009]

 
Lascia il tuo commento