Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il Campidoglio Espone la Foto di Aung San Suu Kyi: Paladina della Democrazia

"Auguri di buon compleanno. Liberta' per Aung San Suu Kyi e per il suo popolo". E' la scritta che da questa mattina accompagna la foto gigante dell'attivista birmana a cui il Campidoglio e tutti i romani mandano cosi? la loro solidarieta?. La paladina della democrazia nel più grande paese del sud-est asiatico compie oggi 61 anni ed e' tenuta da 17 agli arresti domiciliari dalla dittatura militare che detiene il potere nella Birmania. E' stato il sindaco veltroni a srotolare lo striscione dalla scalinata del Campidoglio. "E' un omaggio a una donna che ho conosciuto personalmente - ha detto - e che ha sofferto per la democrazia del suo paese. Un omaggio che vogliamo rendere nel solco di una tradizione che ci ha visto esporre sulla piazza del Campidoglio, uno dei luoghi più belli e frequentati del mondo, foto di donne e di uomini che hanno sofferto per il loro impegno a servizio della giustizia, della pace e della democrazia nel mondo". Accadde già per Clementina Cantoni, la collaboratrice di care international, esperta di diritto internazionale umanitario, vittima di un sequestro che tenne in ansia tutta l'italia tra il maggio e il giugno del 2005. Nel febbraio del 2005, invece, fu l'immagine della giornalista del manifesto Giuliana Sgrena a campeggiare davantio alla statua del Marco Aurelio, e vi restò dal giorno del suo rapitmento in Iraq, fino a quello, drammatico, della sua liberazione. Il 5 gennaio invece fu la volta della giornalista francese Florence Aubenas, rapita nel centro di Bagdad da 4 uomini armati, insieme alla sua guida hussein hanoun, mentre si stava recando in un campo profughi di falluja sunnita". Per i 157 giorni della sua durissima prigionia, la sua immagine restò davanti all'aula Giulio Cesare. Ma accadde, anche qualche mese prima, nel settembre del 2004, quando furono rapite Simona Pari e Simona Torretta, le due volontarie di «un ponte per...» portate via insieme a due iracheni. Manhaz, della ong intersos, e Raed Ali Abdul Aziz. L'immagine di tutti e 4 restò li?, nella piazza più importante di Roma, fino al momento della sospirata liberazione.

[19-06-2006]

 
Lascia il tuo commento