Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Continuano le scosse, avvertite anche a Roma

dalle 20 ben 175 verifiche dei Vigili del Fuoco

Le scosse sismiche che da lunedì notte si susseguono in Abruzzo e che vengono avvertite anche nella capitale, l'ultima stanotte, stanno creando notevole preoccupazione tra i romani che, mai come questa volta, sono obbligati a convivere con la terra che trema.

I timori aumentano e chi, come i cittadini capitolini, non è abituato ai sussulti del terreno, dai movimenti tellurici viene sconvolto ancora di più. In realtà, secondo quanto affermato dagli esperti, la città è sicura e ciò che si avverte è solo la coda di movimenti sismici che accadono altrove.

Lo ha affermato il direttore del dipartimento di Scienza della Terra della Sapienza, Vincenzo Ferrini, asserendo che Roma può stare relativamente tranquilla perché costruita su terreno tufaceo, molto meno propizio al trasferimento delle onde sismiche; lo ha ribadito il neo-comandante dei Vigili del Fuoco di Roma e provincia precisando che la capitale non rientra in una zona ad alta sismicità; lo ha confermato il capo della Protezione Civile del Lazio, Maurizio Pucci secondo il quale Roma non deve temere i terremoti.

Ma vallo a spiegare alla gente che magari proprio mentre sta guardando in tv le scene del disastro abruzzese sente il pavimento ballare.

E così la psicosi sale e le chiamate al 118 e ai Vigili del Fuoco si moltiplicano. Anche stanotte, dopo la nuova scossa avvertita nettamente da molte persone, sono state decine le richieste di intervento. Dalle 20 di ieri sera alle 8.00 di stamattina, i Vigili del Fuoco hanno effettuato ben 175 verifiche statiche su fabbricati e appartamenti.

Al momento nessuna situazione critica è stata riscontrata, a conferma della diceria popolare che sostiene che Roma sia al sicuro dai terremoti perché i monumenti vecchi di duemila anni restano sempre in piedi.

Intanto è stata definita una mappatura completa di tutti gli edifici per verificare la stabilità dei palazzi della Capitale. Ci tiene a precisare il sindaco Alemanno, "la lezione de L´Aquila va recepita, non deve cadere nel vuoto".

Proprio per questo motivo, nelle prossime settimane sarà istituito, come proposto nei giorni scorsi dal direttore dei vigili del fuoco del Lazio Luigi Abate, un ufficio tecnico che avrà il compito di monitorare la situazione degli edifici di Roma.

 
 

[09-04-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE