Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

La Lottomatica Roma crolla a Treviso

Pesante ko per la Virtus, dominata 79-62 dalla Benetton

S.o.s. Virtus Roma. Da Treviso si leva il grido d'aiuto della Lottomatica Roma, seppellita 79-62 (24-22; 45-32; 64-46 i parziali) dalla Benetton, che non avuto mai problemi contro la più debole Virtus di stagione. Doveva essere l'inizio del riscatto per prendere la scia della Bologna bianconera in chiave secondo posto, è arrivata, invece, il terzo stop consecutivo, una bocciatura clamorosa che ora costringe seriamente a guardarsi le spalle per non perdere almeno la terza moneta.

Sconfitta netta, pesante per classifica e morale, da incubo per lo sviuppo di un match iniziato tutto sommato col piglio giusto (24-22 dopo la prima sirena) ma compromesso da un pessimo secondo quarto (21-10 Treviso), con Roma a subire in lungo e in largo le folate dell'attacco biancoverde, guidato a turno da Wod e Bulleri (23 punti e 10 assist in coppia) rivelandosi incapace di rispondere, se non con le iniziative isolate di Jaaber e le triple targate De La Fuente-Tonolli (a proposito l'unica buona notizia è proprio il gran ritorno del capitano, capace di piazzare 8 punti senza errori al tiro, con assist e tramortente stoppata su Wood in entrata, a corredo di una prova durata inspiegabilmente solo 10').

Segnali preoccupanti, aggravati dalla mancata reazione al ritorno in campo, dove si è prodotto solo un timido abbozzo per il -9, vanificato dall'immediato 7-0 Benetton che ha chiuso definitivamente il discorso; nell'ultimo periodo, poi, con il Bulleri-show c'è stato anche il serio rischio di perdere la faccia, ovvero la differenza canestri (all'andata la Virtus si impose 96-75), evitata dagli ultimi acuti di Hudson e Gigli, gli unici a salvarsi dal tracollo generale. Con l'assenza di Brezec e l'immediato infortunio di Gabini (ricaduto male dopo il suo unico canestro nei tre minuti giocati), la coppia lunghi capitolina non ha sfigurato mettendo insieme 33 punti e 14 rimbalzi. Bene ma non benissimo, se dall'altra parte il solo Wallace ha portato giù ben 19 palloni (da aggiungere a 13 punti per una valutazione totale pari a 30).

Non pervenuti tutti gli altri, a partire da Becirovic, autore di 2 soli punti con errori in serie al tiro e uno 0/2 dalla lunetta (lui che ha oltre il 90% in carriera) che spiega meglio di tante parole l'attuale stato di forma dell'asso sloveno. Finisce così con i biancoverdi locali in festa - ampliata dal boom del baby Sandri (10 punti e 4 rimbalzi), mentre ai romani spetta un mesto ritorno a casa con la testa piena di pensieri. Non proprio positivi.    

[08-04-2009]

 
Lascia il tuo commento