Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Terremoto, gli aiuti dal Lazio

partiti 200 volontari dalla nostra regione

La terra ha tremato stanotte alle 3.32, in Abruzzo, portando con se la devastazione. La violentissima scossa di terremoto, di magnitudo 5,8 della scala Richter, ha colpito in particolare L’Aquila e le zone limitrofe, abbattendo anche case antisismiche. Oltre 150 i morti accertati.

Dal Lazio sono partite due colonne di uomini e mezzi della Protezione civile regionali iimpegnati nel sostegno alle operazioni di soccorso.

Da tutto il Lazio circa 40 squadre con più 200 volontari hanno raggiunto le zone di ammassamento in Abruzzo e sono a disposizione della Protezione civile nazionale per le operazioni di soccorso. Altrettante sono state allertate e sono pronte a operare.

PRIMI FERITI TRASPORTATI A ROMA

Un giovane ferito all'Aquila a seguito del terremoto è stato portato all'Ospedale San Camillo. Il giovane, 19 anni, ha riportato traumi alla schiena, alla spina dorsale e al cranio, e secondo fonti del 118 sarebbe in gravi condizioni. Nel frattempo, lo stesso Ares 118 del Lazio ha prelevato sempre con l'eliambulanza altri due feriti all'Aquila per trasportarli al reparto di neurochirurgia del Policlinico Umberto I.

Per gli sfollati sono in corso di allestimento almeno sette campi nel capoluogo e nelle frazioni vicine. La situazione più critica sembra essere quella del comune di Onna, raso interamente al suolo. Particolarmente problematica la condizione dell’ospedale di L’Aquila, senza acqua potabile e a rischio evacuazione.

 Gli ultimi dati parlano di oltre 10.000 edifici lesionati, 1.500 feriti con un bilancio di sfollati che già si aggira nell’ordine di 100mila.

Intanto la Caritas di Roma ha istituito un fondo di solidarietà per le vittime del sisma. Per sapere come contribuire alla colletta visitare il sito www.caritasroma.it.

Per ricevere informazioni, ma solo in caso di effettiva necessità, il numero della protezione civile della Regione Lazio, è 803-555.

Per quanto riguarda Roma sono state centinaia le chiamate dei cittadini ai Vigili del fuoco per gli accertamenti di stabilità dei palazzi. In seguito al sisma di questa notte, dopo una prima verifica, il personale di controllo ha riscontrato qualche danno alle Terme di Caracalla, ci sono alcune crepe ma è un danneggiamento non ancora quantificabile.

Una scuola privata è stata fatta evacuare nel quartiere Prenestino, in via Primavera, sempre per problemi strutturali che però erano presenti anche prima del terremoto. Mentre parte di uno stabile, in via Andrea Doria, vicino piazzale degli Eroi è stato fatto sgomberare per le vistose crepe che sono apparse dopo il sisma, i vigili del fuoco stanno facendo i rilievi di stabilità del palazzo.

 

 
 

[06-04-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
 
 
  CORRELATE