Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

Balletti russi

Il Teatro dell'Opera propone 15 serate di grande danza

Nel centenario dei Balletti Russi che, dopo aver esordito a Parigi nel 1909, rivoluzionarono il mondo della danza, il Teatro dell'Opera di Roma (unico teatro italiano ad affrontare a fondo la ricorrenza) ha preparato dal 7 aprile al 15 maggio, quindici serate durante le quali offrirà, diligentemente ricostruiti, tredici capolavori di quella indimenticabile stagione. Si tratta della più complessa rassegna allestita sul piano internazionale, peraltro doverosa da parte del teatro italiano che nel 1911 presentò lo straordinario e geniale laboratorio che arrivava dall'Est. L'evento è a cura del corpo di ballo dell'Opera di Roma diretto da Carla Fracci che da tempo, affiancata nella regia da Beppe Menegatti da tempo, si dedica alla ricostruzione di un repertorio ormai classico al quale (relativamente anche per l'aspetto musicale) ha attinto tutto il teatro moderno.

Importante l'apporto di alcuni elementi di spicco della scena europea. A cominciare dal maestro David Coleman, specialista del Novecento musicale, che, alla guida dell'orchestra dell'Opera dirigerà, fra l'altro, le partiture famose di Stravinskij, De Falla, Poulenc e altri celebri autori. Quindi un insieme di “stelle” di prima grandezza, danzatori e danzatrici del valore di Alexandra Josefidi, Irma Norade, Ztepjanie Roublet, Massimo Garon, Gheorghe Jancu, Ylia Kouzenetsov, José Martinez, Alessandro Molin. Nel folto gruppo di presenze straniere si inseriscono gli italiani Gaia Straccamore, Riccardo Di Cosmo e Alessandro Tiburzi, considerati fra i migliori del panorama nazionale. I costumi, patrimonio dell' Opera di Roma, su disegni originali dell'epoca, completano i caratteri autentici delle ricostruzioni coreografiche.

Il programma generale si divide in tre parti. Dal 7 al 15 aprile cinque balletti: “Les Sylphides”, “Cleopatra”, “Les Boches”, “Il cappello a tre punte”, “L'Uccello di fuoco”. Dal 17 al 22 aprile, invece, “Pulcinella”, “La Chatte, Parade”,  “Le Sacre de Printmps”. Dal 28 aprile al 3 maggio, infine, “Sheherazade”, “Jeux. L' aprés midi d'un faume”, “Petruska”.

[03-04-2009]

 
Lascia il tuo commento