Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Fiori d'acciaio

Al Teatro Vittoria commedia tratta dal celebre film

Di Giuseppe Duca
 
Ha debuttato con successo l’altra sera al Teatro Vittoria “Fiori d’Acciaio” per la regia di Claudio Insegno, con Caterina Costantini, Sandra Milo, Rossana Casale, Beatrice Buffadini e Sara Greco.

Il testo della pièce è tratto dal soggetto teatrale autobiografico di Robert Harling, che ha curato la sceneggiatura di altri titoli di grande successo, tra cui “Il club delle prime mogli” e “Laws of Attraction”. Mentre il titolo originale di questo “Fiori d’acciaio” è “Steel Magnolias”, emozionante e coinvolgente storia di amicizie femminili ambientata in una cittadina della Louisiana, Chinquapin, dove i destini delle protagoniste si intrecciano in una pièce che è allo stesso tempo comica e mesta e le sei eroine raccontano quello che solo l'universo femminile può e sa raccontare. Le attrici che potevano entrare a far parte di questo complesso ma meraviglioso mondo non potevano che arrivare dalle “Otto donne e un mistero” che ci hanno fatto divertire e commuovere nella scorsa stagione con un fortunato e lussuoso cast cui quest’anno si sono integrate Rossana Casale, questa volta anche nei panni dell’attrice, e la sempre felliniana Sandra Milo.

E così eccole di nuovo insieme, ad affrontare un'altra storia di donne apparentemente fragili e superficiali, ma che poi dimostrano di essere proprio dei fiori d'acciaio, perchè il loro coraggio e la loro forza d'animo saranno talmente potenti da riuscire a sorridere alla vita anche di fronte alla morte e alle avverse vicissitudini. Ma chi sono i nostri fiori ? Sono donne che si incontrano al salone di bellezza, dalla vita semplice e quotidiana, magari anche un po’ noiosa, se non fosse attraversata da un fiume di sentimenti reciproci tanto forti: una parrucchiera, una zitella, una madre di famiglia, sua figlia che sta per divenire novella sposa, una giovane abbandonata dal marito e rimasta senza denaro. Nel dolore e negli sconvolgimenti della vita resteranno sempre vicine, come amiche e come confidenti. Ci faranno provare le loro emozioni, con piccole gioie, rimpianti, memorie, “perché” con o senza risposta. Per questo sono veri “fiori d’acciaio”, come forse anche tutti noi che stiamo a guardarle dal pubblico, aspettando che ci facciano ridere tra le lacrime. Ed è proprio la capacità di non rinunciare al sorriso pur nelle difficoltà e di affrontare sempre con ironia, libertà e passione il proprio destino, a stare all’origine dell’ostinato successo sia della commedia che di quello che fu anche un pregevole film, interpretato dalle belle e brave Shirley MacLaine, Dolly Parton e da una giovanissima Julia Roberts.

[03-04-2009]

 
Lascia il tuo commento