Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Loyos ''il biondino'' scarcerato

tribunale del riesame annulla ordinanza

E' stato scarcerato nel pomeriggio, alle 17 circa, il romeno Loyos. L'uomo è stato scagionato dal Riesame anche dall'accusa di calunnia e potrà lasciare il carcere se non destinatario di altre misure cautelari.

Loyos era in una cella in isolamento nella stessa zona del carcere dove sono detenuti gli altri due romeni accusati dello stupro della Caffarella a Roma e dei loro connazionali accusati dello stupro di Guidonia.

Loyos pur essendo stato scagionato dalla accusa di violenza sessuale per lo stupro del 14 febbraio della Caffarella, era rimasto in carcere perchè destinatario di una nuova ordinanza di custodia cautelare per calunnia nei confronti della polizia romena (l'accusa del romeno era di essere stato picchiato per estorcergli una confessione) e nei confronti di Karol Racz (rimesso in libertà dal Riesame e poi scarcerato definitivamente perchè nei suoi confronti era caduta l'accusa dello stupro di Primavalle) tirato "in ballo" da Loyos per lo stupro di San Valentino.

Il gip Guglielmo Muntoni aveva convalidato l'ordinanza e il difensore del 'biondino' aveva fatto ricorso al Riesame. I giudici del Tribunale della libertà dopo l'udienza del 24 marzo scorso hanno depositato solo il dispositivo che impone "la scarcerazione di Alexandru Izstoika Loyos se non detenuto per altra causa". "Sono molto soddisfatto per la decisione del Riesame - ha detto il suo legale, l'avvocato Giancarlo Di Rosa - che ha accolto le nostre motivazioni".

Loyos era entrato in carcere il 18 febbraio scorso perchè accusato dello stupro della ragazza di 14 anni alla Caffarella. La polizia successivamente aveva individuato la settimana scorsa altri due romeni (Ionut Alexandru e Oltean Gavrilia) arrestati e ora in carcere".
 
 

[27-03-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE