Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Gran Torino

di Clint Eastwood. Con Clint Eastwood

di Svevo Moltrasio

Il vecchio e intollerante Walt Kowalski vede il proprio quartiere invaso da comunità di origine orientale. Veterano della guerra in Corea e amante della sua automobile Gran Torino, si ritroverà a confrontarsi con i nuovi vicini di casa.

L’instancabile Clint Eastwood sforna un altro film a pochi mesi da CHANGELING: partito come un piccolo progetto, GRAN TORINO si è rivelato a sorpresa il più grande successo al box office americano del regista. Proprio questa dovrebbe essere, a meno di clamorosi ripensamenti, l’ultima prova davanti alla macchina da presa del quasi ottantenne attore.

La curiosa vicenda di questo scorbutico vecchietto, isolato dopo la morte della moglie, intollerante contro tutto e tutti, soprattutto figli, nipoti e stranieri, e che ama solo il proprio cane e la sua vecchia automobile, permette ad Eastwood di racchiudere in un film apparentemente semplice, decenni del suo cinema. C’è tutta la poetica del regista nella parabola del protagonista affascinato da valori umani che sconfiggono la sua ritrosia iniziale, trasformandolo in un padre acquisito per personaggi in partenza incompatibili. Lo sguardo sull’attualità è come sempre sensibile ma mai accomodante – la convivenza tra diverse comunità razziali, rappresentata come un rischio ma anche un indispensabile scambio culturale – e lo stile è sempre più originale.

In questo caso il regista si diverte a perdersi in piccole escursioni di folklore estremamente divertenti interrotte bruscamente dal drammatico finale. Impareggiabile il protagonista, vera summa di tutta una carriera, in cui riecheggiano echi dei pistoleri western, o di ispettori senza scrupoli, fino ai vecchi padri costretti alla sofferenza: l’ultimo gesto è una chiusa memorabile per il personaggio e il suo attore, con un sorprendente epilogo che sancisce l’ennesimo scarto in avanti del regista. Il suo volto sempre più scavato dalla vecchiaia ci mancherà.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - eastwood
 

[20-03-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE