Giornale di informazione di Roma - Venerdi 22 settembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Termovalorizzatore di Colleferro

il sindaco Cacciotti minaccia di bloccare l'impianto

“Se entro oggi non mi verranno date assicurazioni dall’Arpa e dalla societa’ che gestisce l’impianto, domani faro’ l’ordinanza di chiusura del termovalorizzatore per tutelare la salute dei miei concittadini".

Così il sindaco di Colleferro Mario Cacciotti conferma l’intenzione di bloccare l’impianto messo sotto sequestro il 9 marzo scorso.

“Dopo la comunicazione che mi è pervenuta dall'Arpa Lazio – ha ribadito stamane il sindaco - dalla quale si evince che il sistema di controllo delle emissioni in atmosfera non sarebbe attendibile, sto chiedendo garanzie che però non mi arrivano e se non le avrò entro stasera, eserciterò nell'interesse della mia città e dei miei concittadini, già troppo duramente colpiti nel loro fondamentale diritto alla salute, i miei poteri di ufficiale di governo procedendo, non più tardi di domani, ad ordinare la chiusura degli impianti”.

Il termovalorizzatore di Colleferro è stato sequestrato il 9 marzo scorso dai carabinieri del Noe che in un’inchiesta durata un anno avrebbero appurato il trattamento di rifiuti pericolosi, fatti entrare senza permessi con la connivenza di funzionari dell’ama e di alcuni dirigenti del consorzio gaia, gestore dell’impianto.

Sabato scorso il primo cittadino di Colleferro ha inviato al commissario straordinario del Gaia Spa dr.Lolli, all'autorità giudiziaria e al Noe dei carabinieri, la richiesta di ricevere comunicazioni ufficiali sul fatto che gli impianti stiano attualmente operando nel pieno controllo delle emissioni in atmosfera.

Un’azione estrema, quella del sindaco, che rischia di mettere in crisi il trattamento dei rifiuti nella provincia di Roma, ma confortata anche da alcuni consiglieri comunali della maggioranza, come il democratico Alessio D’Amato che chiede l’immediata chiusura precauzionale della struttura.
 

[17-03-2009]

 
Lascia il tuo commento