Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Roma-Arsenal, i commenti della stampa estera

gli inglesi temono ancora scontri

di Simone Chiaramonte

"E' la fine delle italiane?". Un titolo non  proprio benaugurante del sito francese Sport.fr fa da preludio alla sfide calcistiche italo-britanniche in occasione degli ottavi di finali della Champions League. La prima delle tre, Juventus-Chelsea, ha confermato le previsioni sconfortanti del quotidiano transalpino, che ha giustificato l'apertura con le tante assenze a cui devono far fronte i clubs italiani.

Per quanto riguarda la Roma, Spalletti dovrà fare a meno di Cicinho (assente fino al termine della stagione), De Rossi (squalificato), Perrotta (infortunato) mentre Totti e Pizarro proveranno a far parte del match seppure in cattive condizioni fisiche.

Sul quotidiano inglese The Sun intanto l'allenatore del club londinese Arsene Wenger si è espresso con fermezza: "Noi abbiamo bisogno di andare a Roma e fare il nostro gioco, dobbiamo pensare a segnare e andare avanti". A proposito dei giallorossi il coach ha affermato: "E' una squadra con un buon settore offensivo, se noi le permettiamo di fare ciò che vuole ci esporremo a grandi rischi. Dobbiamo dettare il gioco- ha continuato Wenger- perché questa è una caratteristica della nostra squadra".

Un rituale poco onorevole da parte inglese per la città di Roma è diventato quello di usare toni allarmanti in occasione di ogni trasferta nella capitale italiana: il quotidiano Mirror fa sapere che la società londinese ha distribuito dei dépliants ai propri tifosi per avvertirli dei pericoli in cui potrebbero incorrere, tenendo conto degli incidenti verificatisi nell'aprile 2007, che hanno visto 11 tifosi del Manchester finire in ospedale. L'Arsenal ha poi messo a disposizione bus gratis per raggiungere lo stadio e ha fortemente invitato i supporters ad evitare il Ponte Duca D'Aosta.

Il quotidiano inglese ricorda ancora una volta che l'Olimpico è sotto stretta osservazione da parte dell'UEFA: ogni atto di violenza o episodio di razzismo significherà la perdita della finale della massima competizione europea per clubs, che si disputerà a maggio proprio a Roma.

[10-03-2009]

 
Lascia il tuo commento